Ms. Ricci 1080-2/Cian cian vuoì ve n'andè

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Canzone sopra quelli che hanno il Morbo Gallico
[p. 27r modifica]
Canzone sopra quelli che hanno il Morbo Gallico


1.
Cian cian vuoì ve n'andè
Li vexin all'ospiaetto
e li ve gh'assettè
in sciù quello scanietto
e in fra tanto
che o miego l'intra drento
per non perde tempo
o l'incomenza à spià:
elo ancon guei ch'haveì questo mà[?]

2.
Signor l'è tosto un'anno
come vuoì puoeì saveì
che mi m'attroevo
con crosta, Taroli, e bugne
ciù grosse che re pugne
con duoeggia intre brazze
che de dorrò non sò cose me fasse

3.
O miego l'intra drento
ne fa un biggiettin
o ro manda à l'infermè
metteì quest'hommo in letto
ch'o ne ha ben de mestè
e l'Infermè
ne ciamma i servitoì
vegnivene chi vuoì
comensero à spoggià
metteiro in letto senza ciù tardà

4.
Ghe dà un pò de lensuoè
ciù neigri, che o carbon

[p. 27v modifica]

unna camixia
c[']o pà un porseletto
l[']e li inte quello letto
c[']o pà un carbonè
l'è vuinto da ra testa pre fin à ri piè

5.
C[h]i ciamma S. Francesco
e chi a Madaenna
porteme un'oevo fresco
che me sento vegnì penna
chi dixe: Rosso
eive chi ra mè copetta
porteme un pò d'eiguetta
che me sento vegnì mà
che in questo letto mi gh'ho da schiuppà

6.
O Rosso ch'è astisoso
ghe dixe: o' t[']è fastidioso
non te vuoeggio dà
ni broddo, ni pancuoetto
eite chi ro tò bescuoetto
amandoa, e zebibbo
ò schiatta, ò creppa
che ti non è miè figgio.