Ms. Ricci 1080-1/8

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Donne che vendan prescinsoere
[p. 46 modifica]
Villaña


1
A ri sciuxanta de dexembre
un corriè l[']è capituò
si o n'ha feto gran vexende
à unna nuoeva o l'ha portuò

2
L'è vegnuo con siè cavalle
tutte quente spenagliè
ch'andavan zù pre e valle
che pareivan inspritè

3
O l'haveiva intra valixe
tutte e lettere siggilè
in t'unna pelle de pernixe
pre no piglià ventuxitè

4
Ri sperioin ieran de natta
ri stivè feti de fuò
con unna pielle de gatta
che servia pre piglià scioù[sic]

5
Ro capiello che o l'ha in testa
gh[']e tre ciumme de griffon
che l'è feto de mi zinestra
e retento de carbon

6
Son ri guanti, che o portava
all'antiga reccamè
feti de pielle de crava
e de ratti brustinè

[p. 47 modifica]


7
A scorrià c[']o l'haveiva in man
l'è unna cora de scorpion
con unna pielle de faxan
chi ghe servia pre gippon

8
L'ha re staffe de sipresso
con re fibbie de liban
tutte fete con intresso
recamè da un ciarlattan

9
Giustacuoè de velluo verde
ben foruò de taffettà
con unna senta de scixerboa
tutta quanta traffoà

10
Un ferriollo de correzze
pinne de ventusitè
e pre bavao doe da sezze
un figaetto, tre coè

11
E con tutto questo imbroggio
o l'ha feto maravegià
tutta ra villa de Montoeggio
fin ro borgo de Vadetà

12
Onde con gran maraveggia
ogn'un ro stava à mià
e ciamman presto o conseggio
pre sentì quest'ambascià

13
Fen ciammà l'àmmia Luzia
chi mandasse in campanin
à sunà fito a strumia
pre ciamà tutti i vexin

14
Chi havesse visto o ba' Ghigiermo
ro ba' Andria, ro ba' Licchin

[p. 48 modifica]

ro ba' Piero, ro ba' Cazermo
ch'eran tutti in t'un zerbin

15
E Lazà figlio da Rissa
L'era à cavallo à un'animà
ch'era tutto de pelissa
e de lanna scarlazà

16
E puoè vegnì Bertomaglio
con l[']abuò, e ro massà
incoronuò de teste d'aglio
e o ri fè tutti assettà

17
Chi havesse visto ro ba' l[']abuò
ch'era sotto un bardacchin
tutto quanto recamuò
de pelissa d'azenin

18
Ro corriè se fesse innanzi
e ogn'un ro saurà[sic]
e senza trase i guanti
o ghe fè quest'ambascià

19
Si o ghe disse: o gran Tognasso
chi è ro Re de Mongiardin
Viserè de trent'un gatto
e Gran Duca de Moscoin

20
L'è Prinsipe de Ponseiver[a]
e Marcheise de Compian
Gran Duca dra Valle Neigra
e Gran Meistro do Patan

21
Lè dixe ch'unna fantinna
chi stà pre queste contrè
che ghe dixan ra Zaninna
serto o vuoè che ghe ra dè

22
E pre puooeì miegio aggiustara
o ve manda e suoè raxoin

[p. 49 modifica]

e dixe che o vuoè addottara
de tutte re suoè possessioin

23
Si o promette, si o ghe zua
che liè tutto ghe vuoè donà
con unna carta de procua
de scrittura autenticà

24
E pre che nisciun no ghe dighe
che o ra voesse ingannà
o m[']a duò ste quattro righe
con unna lettera siggilà

25
Onde che se dixe, e quinta
tutta a robba, che o ghe dà
tutta scrita, e ben distinta
onde con meigo l'hò portà

26
Si che s'haveì patienza
de doveime stà ascotà
domandandone lisenza
ve ra comenseo à contà

27
Dixan tutti de stà attenti
e che o deggie scomenzà
e ch'eran tutti contenti
e o corriè così o parlà

28
Con lisenzia dro messiè
dro labuò, e dro massà
e puoè con ro nome de Diè
sciù che vuoeggio scomenzà

29
Prima sento trenta case
tutte fete de risuoè
mieze grasse e mieze magre
in sciun fondo de pueriuò

[p. 50 modifica]


30
O gh[']e un bosco chi è de giande
donde a può andà à passaggià
fabricuò sciù sinque stanghe
sciù unna sponda d'un rivà

31
Sento trentadue botteghe
tutte leste appisionè
tutto l'anno fan dre niege
pre pessane i ruxentè

32
Quattro miria teste d'aggio
con duxento peveioin
unna merla, un papagaggio
trei frenguelli montanin

33
Puoè se visci ro Palatio
donde o l'ha d'andà à abità
l[']e apparuò tutto de spatio
e de ciancie de merzà

34
Ra despenza donde è o miegio
donde è a robba da mangià
l'è guarnia de lardo viegio
e de corda incatranà

35
Sinquesentotrenta crave
dozze di buoè, sento agnellin
vintitreì sacchi de fave
unna musa, un tamburin

36
Puoè gh[']e un bosco de castagne
appè l'orto dro Rettò
che n'han muoè feto tortagne
nen ghe luxe muoè ro sò.

37
Servituoì numero trenta

[p. 51 modifica]

intra grandi, e piccenin
tutti vestij de quintesenza
de scarbazze d'azenin

38
Gh[']è trei forni da coxinna
con unna cazza strafoà
sette vacche, un'azeninna
che n'han muoè sapuo parlà

39
Gh[']e un castello all'antiga
donde o suole sivernà
fabricuò in t'unna vesciga
d'azeninna strangoscià

40
Gh[']e un Callescio de Mentrasto
ch'è tiruò da duoì griffoin
ben foruò de canavazzo
con sciuxantasei barcuoin

41
Unna lettiga de pattielle
tutta ben conditionà
ch'è coverta d'unna pielle
da garzon de caegà

42
Picche, spuoè, piatti, e schielle
o ghe n'è gran quantitè
dre fascinne, dre faxielle
tutte ben conditionè

43
Aspe, rocche, unna donzenna
sei pignatte, un cadeon
onde o suole fà da senna
quando o stà in conversation

44
Sei carreghe de vachetta
quattro brocche, un ruxentà

[p. 52 modifica]

con unna bella caderetta
donde o posse fà bugà

45
In tutta ra so personna
à cavallo ben armà
che in tutto Fontannabonna
non virrei un'hommo stà.

46
S'este cose o re promette
con scrittua autenticà
pu che ghe degiè remette
Zaninetta pre sposà.

47
Cose dio de questa posta[?]
Ela pù ben capità[?]
presto aspieto ra risposta
pre torname à incaminà

48
Allantò Messiè Labuò
o ne comensa à parlà,
n'orè ciù perde ro scioù
sò poere aura manda à ciammà

49
Ro massà se misse in via
con trexento sittadin
e marciàn à quella via
da cavallo à un porcospin

50
Li trovàn o ba' Zenà
ch'era squesi despoglioù
e o se stava un pò à scadà
sciù un lavezzo de meschioù

51
O' Zenà stè allegramenti
comenseve sciù à vestì
con Zaninna con ri fuoenti
e vegnì tutti con nuoì

52
Voeglio dave unna bonna nuoeva
che ve possè miegio allegrà
che Zaninna vostra figlioera
a sarà presto sposà

[p. 53 modifica]


53
Allontò[sic] piglià a gonella
i treuxi, e ri cazè
l'archibuxo, e ra cottiella
ch'eran tutti ben lustrè

54
Sciù Zaninna piglia o busto
quello corrò de ponsò
preche voeglio ch'haggian gusto
de no veine atro come ro tò

55
Metti sciù a capellinna
a camixa recamà
re fadette de bombaxinna
ro strigion, e ro scozà

56
Così tutti quenti insemme
lò se missan in camin
pre che l'è cosa che premme
e arrivàn l'atra mattin

57
O corriè mirà a fantinna
e o l'arrestà maraveggioù
disse: benvegnua Zaninna
oreì fà sto parentuò[?]

58
Ma ra figlia ch'era accorta
a no disse ne si ne nò
e à sò Puoere fè ra scorta
con dì: Puoere, cose dirò[?]

59
Allontò o Puoere da figgia
o ne comenzà à parlà:
Diggo à vuoì ra me famiglia
atto sciù, che stemmo à fà

60
Ri suoè frè: semmo contenti
dixan, Puoere, de cose fè
così dixan i Paenti
e Labuò che respondè

[p. 54 modifica]


61
Mi prometto pre o ciù viegio
con i miè atri compagnioin
e in presentia dro conseggio
che Zaninna sè de Tognin

62
Cose dio, me respondeio[?]
e ogn'un dixe ben de sì
e così ro refermemmo
allestì pre dì de sì

63
Allantò ogn'un d'allegria
comensà presto à crià
e dixan: Zaninna viva
chi è ra figlia de Zenà

64
Così dita ra parolla
si de patto ogn'un restà
che Zaninna sè ra sposa
de Tognin de Vadettà

65
Si che ogn'un con gran prudenza
o corriè ne saurà
domandandoghe lisenza
e andando tutti verso ca'

66
Ro corriè con gran lestixe
subito o s'incaminà
dè de man a ra sò valixe
e de botto s'imbarcà.