Ms. Ricci 1080-1/3

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Canzonetta sopra l'aria di Flon Flon
[p. 19 modifica]
Canzonetta sopra l'aria di Flon Flon


1
Allegri zoventura
Zà che son vegnuo chì
Così pre mè ventura
Me tocca à fà sentì
Sentime steme attenti
tutti sciù ro barcon

Flon flon marièv'ò bella
flon flon marièv'ò don

2
E pre non muà sciena
ve voeggio fà sentì
pre tutto quanto Zena
cose sole seguì
sentì pre cortesia
prestè tutti attenzion

flon flon marièv'ò bella
flon flon marièv'ò don

3
Veì queste bezagninne
pre Zena caminà
Leste come Reginne
voì re veì passaggià
ogn'unna porta in testa
grande ro sò corbon

flon flon marièv'ò bella
flon flon marièv'ò don

[p. 20 modifica]


4
Portan dri boin garbusi
dri ravanetti assè
dri coisciui refosi
raavnetti appareggiè
con quattro armoasette
e un pò de peveron

flon flon etc.

5
Portan l'insalatinna
si ben accomodà
dra radicietta finna
pre chi ra vuoè gustà
e quattro spighi d'aggio
e un pò de prebogion

flon flon etc.

6
Menta porsemmo, e rua
con dro baxaricò
dra persa ben cresciua
ancon mi ve dirò
quattro chigomaretti
e dre meisanne ancon

flon flon etc.

7
Lascemmo e bezagninne
pre questa votta stà
vegnimmo à este fantinne
quando vegnan d'Arbà
ch[']en careghe de fighe
quando n[']è ra saxon

flon flon etc.

8
Gh[']an dre fighe rubade
dre pissalutte assè
dre fighe verde pazze
caranchinne appareggiè
con quattro briggiasotte

[p. 21 modifica]

e un fighetto arbicon

flon flon etc.

9
Ò sciù queste fantinne
Lasciemoe reposà
vegnimmo à re Nervinne
che re veì capità
così là in Ciazza Nuoeva
quando gh[']e l'occasion

flon flon etc.

10
Portan dri Tuberosi
dri tolipani assè
dri giani, gianchi, e rossi
porette appareggiè
e quattro baraxetti
con dra sciò de setron

flon flon etc.

11
Anemoli, e gazia
serto solan portà,
ranoncoli, e giosia
pre chi ra vuoè piggià
e à son de martinetto
ve fan un masso ancon

flon flon etc.

12
Vei puoe re Bargaginne
pre Zena passeggià
Leste come Reginne
e re sentì crià
Chi vuoè dro lete puro
dro lete preiso bon

flon flon etc.

13
Ne van in Ciazza Nuoeva
se comensan assettà

[p. 22 modifica]

crian: gh[']ò unna prescinsuoera
pre chi ra vuoè accattà
chi ghe vendo un recuoetto[?]
chi vuoè co un comacco bon[?]

flon flon etc.

14
Sentì puoè re Penteminne
à Zena capità
crian: chi se l'accatta
unna schaetta, unna canà[?]
e mentre che lò crian
ve domandan un boccon

flon flon etc.

15
Chi vuoè rocche, chi vuoè canelli
chi vuoè cazze, chi vuoè cugiè
chi vuoè taggioì, chi vuoè pestelli
toffanie, chi vuoè mortè[?]
o' signoinna caa
mandeighene[sic] un boccon

flon flon etc.

16
Dapuoè veì d'in Ponseivera
vegnì re Cavagnè
si ben che cioeve, e neiva
han treusi, e cassè
crian: à i polastretti
à chi vendo un cappon[?]

flon flon etc.

17
Sentì pre tutto Zena
Ancoa contà ve vuoeggio
pre che a roxon o de'
che vegnan da Montoeggio
neigri ri Carbonè
crian: à ro carb[onetto]

[p. 23 modifica]

de rovea che l[']e bon

flon flon etc.

18
Sentì pre tutto Zena
crià questi mersè
chi vuoè pointaioè, e agoggie
à i brigixi, e cambrè
chi vuoè cavegiea gianca
e dri pissetti ancon[?]

flon flon etc.

19
Puoè con bella maniea
spesso sentì crià
chi vuoè accatta unna paniea[?]
Signoa l[']e chi o paneà
chi ghe vendo uña chinna,
e un cavagnetto ancon[?]

flon flon etc.

20
De crià n[']en muoè stracchi
ma ben come se dè
crian: chi vuoè siassi[?]
signoa l[']e chi o siassè
chi ghe vendo un sciuscetto
e un rattei[uoe] ben bon[?]

flon flon etc.

21
Vuoeggio contà re pruoeve
quando sciù ra mattin
spesse votte quando cioeve
passan ri zavattin
crian: acconsa cose
chi ghe metto un taccon[?]

flon flon etc.

22
Non sò comme se fasse
ri poveri strassè
che van criando: strasse
e accoueggian[sic] dro pappiè
crian: dro vedro rotto
dre scorze de settron

flon flon etc.

[p. 24 modifica]


23
Sentì con mille sgraxoe
i garzoin dri fornè
crià: testaelonne cade
quando i figioè son adesciè
se non ghe n'accatte unna
tutto i di[sic] stan in rangognon.

flon flon etc.

24
A ra mattin con quinta
spesso senti crià
a l[']e chi drua, e vointa
dixan ra fainà
pre quattro dinè un pezzo
lò ve o taggian ancon

flon flon etc.

25
Vei re casettee in lista
come tant'insprijtè
van a i quattro evangelista
pre fà re mattinè
quarche votta o Diavo
re porta in barlugon.

flon flon etc.

26
Sentan ciamà Baciccia
Pieo, Lucco, e Martin
Catterinna, e Francisca
Zaninna con Tognin
Se stiman de guagnà
han de mosche un pugnon.

flon flon etc.

27
Sentì ste pettelee
sempre da lò sbraggià
si ben non cose vee
ri suoenni voeran contà
ne fan mille striezzi
degni de compaxion

flon flon etc.

[p. 25 modifica]


28
Dixan: che desbaatto
Comà mi m'hò assunoù
che haveiva in scoso un gatto
chi m'hà tutta graffignoù
e o gatto dà o Fiesco
o vegnià questa Lettion.

Flon Flon etc.

29
Stanuoette tutta in vista
me pareiva comà
che hò visto uña gran biscia
chi me oreiva attosciegà
questo sarà ro Poo
serto che o gh[']e da bon.

flon flon etc.

30
Ch'impegna e faldette
Ch'i busti, ch'i scossè
chi pendin, chi annellette
scadaletti, e ruxentè
quante ghe n[']è, che vendan
a strapointa, e ro saccon

flon flon etc.

31
Passr puoè da Paaxo
che lesti i virei
così assettè à belaxo
e pronti i Piggioei
quanti pre zugà un'ambo
impegnan ro striggion.

flon flon etc.

32
Passè pre ciazza nuoeva
che starei à sentì
ogni bella rendeioea
dì, come diggo mi
con a coa de l'oro rave
peisan intro baranzon

flon flon etc.

[p. 26 modifica]


33
Per esse compiaxeive
puoè a sentì crià
cado meie, cado peie
pre chi re vuoè gustà
son dose come zuccao
e come l'amè bon

flon flon etc.

34
Ve ciaman queste belle
vegnì che o me cuoè
chi vende testaelle
chi panisse, e chi frixioè
chi trè a dinà rostie
chi perrè, e balletti ancon.

flon flon etc.

35
Dè unna mirà intro mezo
da e trappole dro pan
virrei un gran lavezzo
donde tutti ghe van
sentì spesso che crian
l[']è chi o berrodo bon.

flon flon etc.

36
Dall'atra parte puoè
serto se ghe ammiè
senza dì o ghe coi[sic]
gh[']e ancon dri formaggiè
vendan ri buoin scabecci
tonninna, e salamon.

flon flon etc.

37
Veì puoè re Bergorette
che puoeran Capoè
preche da i galanti
son sempre accompagnè
ghe dan dinè contanti
che arroban à o Patron.

flon flon etc.

[p. 27 modifica]


38
Ne van in ciazza nuoeva
fan mostra d'accattà
e han ro galante approevo
chi ghe vorrè parlà
quarche votta intra fuga
o ghe dà un spelisigon

flon flon etc.

39
Ghe dixe: zovenetta
ve cazze i pendin
e con sta paoletta
o ghe vuoè toccà un tetin
se vozan in derrè
ghe dixan: mascarzon

flon flon etc.

40
Se vozan in derrè
pà che o vuoeggian mangià
puoè vedan che l[']è liè
comensan à raxonà
e ghe dixan: frè cao
piggiè sto fugason

flon flon etc.

41
Corran in sant'Andria
pre a carne accattà
n'accattan unna lia
meza a vuoean strascinà
e con quelli doì sodi
regallan o galanton

flon flon etc.

42
Spesso queste fantinne
se solan descordà

[p. 28 modifica]

e lascian re coxinne
pre andase à innamoà
molt'otte zazunnan
si non gh[']e l'occasion

flon flon etc.

43
Non ve conto unna foa
ma ben così o sarà
che o Patron vuoè andà à toa
o n[']è pronto o disnà
causa n[']è a bergoretta
ch'è steta à fà l'amò

flon flon etc.

44
Imparè bergorette
nè ciù v'innamoè
che così zovenette
ve troverei descordè
sareì senza galanti
e ancon senza Patron

flon flon etc.