L'erco dri vostri oeggi bella suoe

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
L'erco dri vostri oeggi bella suoe
de Poro Foggetta
pubricao da-o Zabata inta Nuova selva di varie cose piacevoli do 1570; transcrito da-o prof. Steva Verdin e pubricao in Tasso genovese, La Berio, 1996.


L'erco dri vostri oeggi bella suoe
E l'archetto d'amò chi m'ha tiraou
E ro lazzo d'amò chi m'ha ligaou
Si è ro vostro coazzo ro me cuoe,

I uoeggi vostri son re frecchie pioe[sic]
De chi amò com'un Tordo m'ha in firaou
E ro fuoego d'amò chi m'ha bruxaou
Si è ro chiero sprendò chi n'esce fuoe,

Chi luxan chiù dro cù dre chiara belle
E chiù che i uoeggi dro vostro munin
Anzi chiù cha ro sò ra luna, e stelle.

Ni teman nuoette, nuvere, o negin
Sì che ra luxe son dre luxe belle
Che De sa fa dro sò lume chiù fin.