Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/61

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Scena duodecima.
Lontananza di Giardini nel Cortile.
Caporale, Zoilo.


Cap. Ra paxe è fætá* à son de moscatiello.
Nò gh[']ę ciù dá di atro à l[']ę fęnia.

Zoi. Ma dimmi in cortesia
Come passò la burla?

Cap. A promisse de fàme
Parla à rà mę galante
E mi che in corte son prinsipiante
Me son fioù da* quella brutta stria,
Che hâ sussoù ciù corę', ciù figaretti,
Che non hò moę manggioù mi trippe, ò laccetti.

Zoi. E Tù credevi à donne? ò folle, ò folle.


1. E la donna un mar d'inganni,
Che allettando in Bella Calma
A solcarlo invita ogn'alma
Poi sommerge in mar d'affanni,
Lungi dunque, ò passagiero,
Non t'ingolfi il tuo pensiero.

2. E una vela, che si muta
Al soffiar, che fà ogni vento,
E si muove ogni momento
Come foglia combattuta
Col cervello, che gli danza

Fà ogni passo una mutanza.

Cap. Mi assi dirò rà mę.

1. Zerbinotti se ve crei
Che sen tutte veritę'