Pagina:Spinnoa L'Ariodante 1655.djvu/43

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Che il ſenſale hà ſempre a fianchi, E ogni dì ne fa per banchi De le brutte, e de le belle ? Ah sì, sì : , or Scruppolizza, e vna fentenza Và cercando, onde in coſcienza'

Poſſa prendersù l'argento Sine á fedeci per cento . Mà in queſta parte ho pur veduto aſſai, a

Or me ne vado altroue,

Che per virtù di queſta mia lanterna Io ſpero di vedere

Molt'altre cofe curiofe , e nuoue, Io me ne vado altroue.


Scena terza
Caporale.


Luxe ra lunna, e zá l'hora s'accosta,
che ra mamma m'ha dito
De fâ che parle á quella mæ caggnassa.
A Zena assie ò quante votte, ò quante
In quelli tempi d'accari
Sotta ra mę galante
M'arregordo d'havei,
A rò lume dre stelle
Feto dre bagatelle.
Vitta da innamoræ? vitta da matti.

Dormì sciù ri scarin,
Baxa porte, e ferrę,
Sempre oxelá barchuin,