Pagina:Soprani, Vite de pittori etc., 1674.djvu/324

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


A rò Segnò Domenego Fiasella Eccelentissimo Depentô.


Me Muere à fame comensò in un dì
E puessa in nueve meixi a me finì.
Voi quanto vorei stà
A finime, FIASELLA, de retrà?

Sento che respondei:
In pochi meixi te finì to Moere,
Perche à te fè mortà come to Poere:
Ma mi, che t'ho da dà con l'arte me
Vera immortalitè,
D'havei poco chiù tempo è ro devei:

Voi me dì ben; ma pù haverè piaxei,
De presto vaghezame in questa teira,
Prima che me s'amorte ra candeira.