Pagina:Rime diuerse in lengva zeneise 1575.djvu/15

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia



E ro rosso bastava a lo chiorlá
Che lasciavan ro gianco a ri figi[u]ó,
Ma té gorasse han questi foenti ancuó
Che vuoran rosso e gianco travoná.

E son re fuente ancuó si lecaresse
Ch'ogni dì quando fan quell'ation
Un pá d'ove davanti se fan mette,

Con un bravo boccon de sacison
E ogn'unna a sorbí uove* pá che tette
E per natura gustan i ove fesse.


Se con un zove unna fantinna avanti
Ballava in chiazza, ò in quarche caminá,
Moé se lassava ra so man toccá
E a ghe porzeiva ro mandillo avanti.

E aura senza mandillo, e senza guanti
Con ro zove ogni figgia uza ballá
E se lassa ra man belletegá
E fregasera ben da ri gallanti.

Che a fá ri fetti su[o]e, dixe ogni figgia
No s'imbrattà re moen ra gente moé,
Si che ri guanti fan per chi ha spravé.

Ni chiu ballan chianin per onesté
Ma mennan sottro son si ben ro pé
Che suan forte, e sua chi re piggia.