Pagina:Rime.diverse.1612.djvu/171

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


L'arte dro navega* sarà finia
Per mi, e a vui ro fressoro* riondo,
E l'agoggia darò dra caramia.

Perche sarò lantó rero a ro mondo,
E porrò di ch'haggiando amò per ghia
D'Hercole intre colonne ho deto fondo.


Vaggo pensando che l'è un meize bon,
Che no m'hei scrito, e in questo dubio incorro
Peretta, che ode meigo* haggié ro morro
(Me mancherè questa atra) haveì raxon;

Ma se no ve n'ho detto* occasion,
Questo è in frusso dro Cié, cosi descorso,*
Si me strenzo intre spalle, e no me corro
Perche intre l'anno ora* desgratia e son:

E in l'anno dra mé morte posso di,
Che questa vitta è de morí desposta,
Quando ro nume mié sé morto in vui;

Ma ancora in dubio e l'ho ve scrivo aposta
N'aspieto intanto per poeime a[s]chierí
O lettera o lettéra per resposta



Parto, me pá mille agni, e vuì resté;
Ziro ro mondo come fa una muera,
A ra fin quando torno, e ve n'andé;
Questo ro zuego pá dra correzuera;

Mentre aora stava con ra tremuiruera