Pagina:Ricci 1080-2.djvu/58

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia


6.
Feve donque à ro barcon
à guardà se ro cognosceì
c[']o l'è li con o sò baston
come ben tutte saveì
non ghe manchè d'arvighe a porta
c[']o l'è quello dri atre votte

7.
Duoi garzoin che sotto à sò cua
o l'havè ghe l'han lascioù
un per un l'ha tà rottua
c[']o s[']e un poco retioù
in miseria l'atro è cheito
per tegnine o collo streito

8.
S'eì à caro c[']o monte sciù
e c[']o se leve de chi
à daghe man vegnine zù
e non ro fè tanto patì
che se vuoì non ghe o menè
e non ghe ven in veitè

9.
Haggiè cua che intro menà
o non ve scappe de man
besuoegna ben streito agguantao
quando foisse fin à deman
ma se drito o vorreì fà andà
dighe donde o l'ha da intrà

10.
Quello andà senza capello
per respetto, e reverenza
feto o l'ha d'ogni cavello
anzitempo restà senza
c[']o non stà come vuoì veì
sciù ra sò testa manco un peì

11.
Se ò cioeve, ò baexinna
andà à torno o l'è sforzoù