Pagina:Ricci 1080-2.djvu/33

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Prega Dio che ne libere da ra Peste nell'anno 1578.


1.
Da ra peste esta sittè
guarda ben pietoso Dè
che guardase a non pò liè
senza Ti dà morbitè.

2.
Ti veì pù che per a Guerra
d'esta nostra division
i ciù ricchi d'esta terra
drizzà testa ciù non puon
e in veggiezza sforzè son
de lascià questa sittè.

3.
Ti veì Dè ch'esta sittè
ch'era d'oro quasi cinna
no pù l'oro, e i dinè
perduo l'ha a poverinna
ma de perde a sò vexinna
a sò cara libertè.

4.
Ro Commun nostri meschin
per ti libero è restoù
de che grazia senza fin
à ti rende questo staò
ma de peste esse ammorboù
ro meschin temme aura assè.

5.
Come ti Puoere corteise
da tiranni forestè
deffendesti esto Paise[sic]
così guarda ancoa lè
d'angonaggie, e morbo rè
ch'è pieso da Guerra assè.