Pagina:Ricci 1080-1.djvu/140

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

... figgio e figgioè de Priè
che no me fè come un san Bartomiè.

Ma se e deriee parolle
d'unna desgrazià
chi è resoluta non mangià ciù pan
o Siè e sente perche o l'ha i oeggie
ò becco forseluo,
ti che t'è deto a ro mè Bellè a patta
e perche cianzo mi ti te ne rij
fassan questi miè crij
che a bella prima votta
che a to fellüa ìnsie fuoè dro porto
a vagghe in marviaggio
e a capite in tri piè a i renegaddi
e ti misso a ra cadenna
ti te mangi, trattoù piezo d'un chan
ciù bastonè che no boccouin de pan
e lasciando ra pielle
sott'un sercio ò un morsello incatranoù
ti purghi lì, treitò, ro to peccoù.
Matta, ma che m'importa
Bellè per questo no vuoè resuscità
oeggio ammazzame chi, deme un pugnà.

Questo fui ro trascorso
che fè Lucrezia, e missasse in zenoggie
zuà davanti a Dio
de no piggià muoè ciù, muoè ciù maio.
Ma Amò, chi gh'iea ascoso intro striggion
piggiandora a ro loù
disse: marviaggio a mi
se ti Lucrezia in sto propinimento
ti ghe stè ferma un di.