Pagina:Ricci176.djvu/63

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

"Vivo morta, e rinata in strana guisa
Mirar sovente un sole m'è concesso,
Morta non son, che s'ho la vita appresso,
Non posso dalla vita esser divisa;
E mentre l'occhio io giro,
Io muoro sol, quand'il mio sol non miro.
Di ribear mia sorte hor non mi duole,
Che se già sott'il sol per mia fortuna
Adorando, abaiar seppi alla Luna,
Hor tacendo, e mirando adoro un sole."

Ma veggo fin de chie,
Che ve riei de mie,
Parendove de botto
Che troppo longo in somma sé ro motto.
Diggandome de longo,
Motto non è, mentre l'è troppo longo;
Ma riei s'orei rie,
Che se l'orei ciù curto, eccoro chie.
"Con l'oeggio averto, così drita in pé,
Non morta, ma dormendo in questo loù,
Paiscio re porpette, ch'ho leccou."


A ra Signora Maria Brigida Spinnora
Nuoeve


Lustrissima Patronna, l'è doi meisi,
Ch'hemmo nuoeva da Nuoeve in fin, che vuôi
Sei in arme, e in cavallo per vegní,
Ma in somma a un fidé cuoetto semmo appeisi.