Pagina:Ricci176.djvu/589

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


A l'e assé de bonn'ere,
Ch'in tra ciera in tre l'oeggio e d'in tra bocca
A l'e tutta o retreto de so muoere.
E ancon ciu de so suoé, che non puoei cré quanto lié ben ghe vuoé.
In somma che vá a dí re bonne parte,
Che tutte a l'ha con lié?
A l'e meistra perfetta,
Perche l'e prattichissima dell'arte.

In tro fá ra cazetta,
Gh'ha bella proportion,
A gh'ha unna bonna sesta,
Per fá un lavó assé bon;
Se gh'investí ra gamba,
Ra vei così agaibá, così a ve stiva,
Che per tutt'a ve strenze in bonna sesta,
E fa spiccá unna gamba, e bell'e lesta.

Quand'a ve poere streita,
No manché d'investira,
Che a troverei cazante,
Perche streita così, tanto l'e intrante.
Porpetta, vegni chì?

Porp. Meistra, che dio,
Lasciem'investí chì, ch'our'ho finio.

Man. Porta chì a to cazetta,
Che a vegghe un po Lichinna?

Porp. Meistra piggié, l'e chì, mié se l'e finna?

Man. Coxinna Lichinetta,
Miré s'a ve piaxe?

Lich. Caspe comá, besuoegna dase paxe.
N'ho ben visto dre belle,
Ma questa l'e eccellente;
Miré che pointo uguale,