Pagina:Ricci176.djvu/586

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


O stivereiva miegio li in restreito.

Sto barolié da puoe
L'e tropp'astivaloù, l'e troppo largo,
De longhezza o stà ben,
Ma a larghessa desdixe,
Ch'o no puoe vegní ben.
Besuoegna che ra cuoescia
Ghe spoincie a un serto segno,
Perche o rest'attaccoù
Se no comme l'e sciù,
O no ghe puôé stá ciù,
Perche a troppa larghessa,
Semme, ch'o se l'assaze
A fa che li per forza o ghe descaze
Tutto zù da o zenoggio
Inverso, alandrigoù, moll'e desdoggio.
Si che per questa cosa
Bezuoegna accommodaro, e inzegnase
In muoeo tá, da no puoei ciù allargase.

Incommenza dall'orlo,
O sé, ro bastonetto,
Dèsfaghe dotrei pointi, e puôé restrenzi,
Che ti viré l'effetto
Per fá ciù a stivá intrá ro stivaletto.

Si ben quest'orlo chie
Ti no l'hé guei ben feto,
Perche o releva troppo,
E resta troppo druo,
Che sea gh'heto misso,
Ch'a l'e così stopposa? E ti no vei
Ch'a fa troppo fiarse; e troppo pei?
Va, va, ma stà ciù attenta,