Pagina:Ricci176.djvu/572

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


Ghe fasse dre cazette, e bonne, e forte;
Ro servo ben, ma puoé me premme assie
De serví quello primmo, o qua me porte
Sempre quarche regallo,
E senza puoei fá fallo,
O me ro mette in man,
Ch'o me sole fá reo fi all'undeman.

Con mi o sà cos'o fa,
E o l'ha dra bonna sea,
E mi ghe n'ho dra miegio,
Ne gh'importa per questo che ra mesc[c]e,
E se ciù ghe ne manca, ciu ne mette,
Per puoeighe fá riuscí ben re cazette;
E cosi se ne manca
Ra mé ghe metto chì, chi è bell'e bonna,
Perche non è dovei
Pretende d'inganná
Così bonna personna.
E da puoe, perche son donna da ben,
Haveré renitenza
Per ste scapolle chì
A taccame, e inciastrame ra conscenza;
Si che, se a sò l'e poca
Mi ne l'aviso, e puoe ghe diggo allò:
Patron, sta vostra sea
L'e bell'e bonna, ma a non è bastante;
Se vûoi ve contenté,
Ghe mesc[c]erò dra mé,
Ra qua sarà megió,
Mi ve ra diggo sc[c]etta,
Fé o vostro conto, e steme ben all'erta,
Da no puoei sospettá,