Pagina:Ricci176.djvu/350

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia


12
Ro fré dro Preve, ch'haveiv'atro in testa,
Sentendo sta risposta o se renega,
E inverso per no puoei ciù intrá in buttega,
O scrollava de longo ciù ra testa.

13
E in compagnia satoù Piero Crescentio
Con lié Valerio Massimo portando
Pareiva ch'o l'oresse a muoen scrollando
Fá comme dixe la meistro Terentio.

14
Ro monsció se ghe voze pin d'affé
Diggando ri proverbij tutti quanti
E vuoeran che ra Giexa vagghe avanti,
E mi no posso manco andá in deré?

15
Oltre che in questi caxi, in questa scuoera,
Pá che ro giusto ancora comportasse,
Che ro Bonsció de drento primma intrasse,
E ri compagni suoe stessan de fuoera.

16
Si ben me vei sta toga imagineve
Che n'ho solo con mi ri doi minori,
Son vbon a trattá mi assì l'arme, et amori,
Perchè l'habito in fin no fa ro preve.

17
Aristotile dixe in sens'espresso,
Che convertitur l'habito in natura;
E fa l'habito in mi per sorte dura,
Che no posse in natura havei l'ingresso?

18
No no mi non son Preve, non può stá,
Son'hommo comme i atri a fè de can,
E presto ve farò toccá con man
Che tegno con ro brasso secolá.