Pagina:Ricci176.djvu/325

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

Se puoescia l'un appresso l'atro suoenna
Eccave per occulta simpatia
Per ascosa virtù l'atro resuoenna

Fasse ro conto pu vosignoria
Che in procinto de sátá sti fossi
Femmo noi doi unna scimile armonia

Sezilia stamm'in ton fin che ti possi
Giurian caro no s'abbandonemmo
Caro sento vegnime ri muoé grossi

Carissimo mi son tost'all'estremo
E così tutt'assemme vatt'a piggia
Tra l'un e l'atra ro figgioe fassemmo

E mi lantó si ben ro má me striggia
Ro cuoe me dixe in fin che l'è un mas[c]cetto
Si ben ra rimma corre a dí una figgia

Ma in quello ponto ch'a mirá me metto
Luzia chi stav'all'erta buoetta un crio
Diggando: au ro mé bello corzetto!

Osciù, mi diggo, sé lodato Iddio
Sezilia stamm'allegra che t'hé feto
Our'unna figgia comme tò mario

E così ro servixo in somm'è andeto