Pagina:Ricci176.djvu/300

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia


Quarch'un dixe cosie;
Che, comme ri Platonici afferman,
In tro sercio dra Lunna ro caccian;

Serte idee chi ghe stan
Li comme originé, possemmo dí,
De tutte queste cose inferioí

Comme diremmo nuôi
Questo naso è un Prototypo, un armario,
Un vasto protocollo, un formulario,

Un vaso originario,
Ond'in copia deriva sciù ra fin
Ra prosappia dri nasi, e dri nasoin,

Dri nazetti e nazin,
Che sen muoe steti in feto, ò in fantasia
In tra generation dra nasaria,

O pu in Todescaria,
Ra natura n'ha feto, cancaxinna,
Gratie, che muoe a nisciun largo destinna:

Ma puoescia cravanchinna
A ve l'ha troppo feta, in collocavero
In sito, onde no puoei così guardavero;

Perche, se contempravero
Vuôi poessi tutt'in quell'amato viso,
Che si faressi un di comme Narciso?

Onde, chì per aviso,
Per favene per forza inamorá,
Ve ro depenzo da ro naturá.

Primma lé no compá
Curto d'in tra ginetta, e rebeccoù,
Comm'un nas'etiopico formoù,

Ni troppo prefiroù,