Pagina:Ricci176.djvu/228

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia
Epitaffio dell'aze


O tu che passi e di te stesso vago
Di narciso imitando i folli amori
Qui per riflesso contemplando adori
In me vago asinel la propria imago

S'il tuo destin vuoi far contento e pago
Longi da questi a me sacrati orrori
Vanne ove tanti il mondo avien ch'onori
In riva al Tebbro, o longo l'aureo Tago

Ma se del mio moltiplicato oggetto
Vuoi da vicin l'imagin naturale
Fatta da quel penel plusquam perfetto

Se spender quattro scudi non ti cale
Fatti far un ritratto dal Greghetto
Poichè dell'asin hai l'originale.


Epitaffio dell'aze


Ti che ti passi, e me vei chì in strepelli
Fermate, çerca ben che gh[']è dro bon
Si ben pelle non ho, ni ongie ancon
Dre mé osse ti puoe fá sigorelli.