Pagina:Ricci176.djvu/115

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

A varei foscia ciù de mille scui,
O gh'è quell'atra puoe de sò moggié,
Che comme dixe quarch'amigo mé,
N'è per mancaghe ancora de frutá,
Perchè cresce ro corpo dra masná,
Ro numero dra qua,
Fin chì l'è cinque mas[c]ci, e doe figgette,
E fra quelli se mette
Ancora d'in tra lista
Ro figgio Giambattista,
Ro qua, per quanto son stet'informoù,
Non manca d'ese asé ben in[c]linoù.
Fra questi ben dro poere,
Da re somme ch'ho dito, puoe s'aroza
Ra duoetta dra moggié, chi è poca cosa
E de ciù mille lire, ch'o dè dá,
Ne in restreito atri debiti ghe pá.
Quanto mi posse fá
Per informaro ben, l'è tutto questo,
Ch'a scuse, se non l'ho servia ciù presto;
Mentre con riverira fasso pausa,
Et hęc sunt in causa.


A ro Sig. Filippo Adorno


Signor Filippo, m'havei desfioù
Con dime che deman sarà ro giorno
Perchè questo destinoù,
E perchè a mi in bonna conclusion
Me tocca fá dre arme elettion,