Pagina:Le crociate 1884.djvu/38

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

E de votte o montava in sce i baloardi,
Minacciando i Cristièn co-a voxe e i sgoardi.

8
O pure sogghignando, in ton ironico,
Fando in aia fischiâ di bechelletti,
O dixeiva: — Piggiae, serviàn pe un tonico,
Ciappellette de menta e fenoggetti.
O vostro dexideio o sâ platonico,
Ma aviei, ve n'asseguo, d'i patiretti.
Apage! chi ghe semmo noi, ghe stemmo!
O dixe Caimacàn, ch'o non è scemmo.

9
Questo insulto villàn, questo dispresso,
O l'è ne-o coe di asseddianti unna spinha:
Tarroccan tutti, e se fosse concesso,
Faivan d'o Caimacàn tanta tonninha.
Un fra i atri ciù asbrioû, sensa permesso
A-i spaldi d'a Sittae o s'avvixinha;
E co-a voxe, co-o gesto, co-a personha,
O mostra che de tutti o se mincionha.

10
L'è questo o bon Zorzin, dito o Formigoa,
Portoliàn sccetto de l'antigo stampo:
Indole ardente, e quando ghe formigoa
E moèn, non gh'è rimeddio, o piggia lampo:
O san per preuva o Pelissòn, o Grigoa,
Che se lê o fa davei, no gh'è ciù scampo.
Se con lê aveivan mai da fâ i Tedeschi,
Ciù che con l'atro eroe, me stavan freschi.

11
Zoveno pin d'ardî, ma bon, ma pio,
Tutto daeto a-o Segnô, tutto pe-o Pappa;
Quando invito a-a Crociata o l'ha sentio,
— Vanni, o s'ha dito, ansi, se occôre, scappa: —
E pin de Fede, de speransa in Dio,
Co-a Croxe in pêto, a lansa, a spâ o l'acciappa
Che parte o so Zorzin, l'è o poae contento,
Ma a moae cianzendo a fa quarche lamento.