Pagina:La Berio 1996.djvu/44

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


E ro fuoego d'amò chi m'ha bruxaou
Si è ro chiero sprendò chi n'esce fuoe,

Chi luxan chiù dro cù dre chiara belle
E chiù che i uoeggi dro vostro munin
Anzi chiù cha ro sò ra luna, e stelle,

Ni teman nuoette, nuvere, o negin
Sì che ra luxe son dre luxe belle
Che De sa fa dro sò lume chiù fin.

L'Annimo che con vui stà sempre moè
Ni atra donna da vui ro desavia
Fa che ra vostra chiera savoria
Nuoette, e dì veggo, ben che no voggie,

E se nuoeva bellezza annima mè
Cerca a l'annimo mè fa cangia via
Le ch'atra strè no gusta, o compagnia
Torna a vui Scarpa che beaou ro fè,

E asconde in villa tanto no ve poei
Ni fuze me poei tanto, che ro sò
Dri vostri uoeggi, no luxe a ro me cuoe,

E se ben me sei lonzi bella suoe
M'ascadè tanto de gentì carò,
O pense s'ascadame rente dei.