Pagina:I pastoi a-o prezeppio1897.djvu/20

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

E voî mæ cäa donnin,
Lascæme che ve fasse un bell'inchin.
S. G. Troppo avete di noi buona opinione.
È la vostra bontà che tali detti
Sulle labbra vi pone.
Noi siamo, al par di voi, due poveretti.
G. Sajâ: ma pù donne n’ho viste assæ
De tutte e condizioin e qualitæ,
Ma unna donninn-a scimile chì a lê
A no se pêu trovâ sotto do çê.
Ma se a pâ proprio un angeo do Segnô!
Me pâ finn-a de vedighe un splendô
Lûxente in sce-a so faccia comme stella.
M. SS. Voi mi fate arrossir con questi accenti.
Del mio Signor son io pover’ancella.
Che se si trova in me qualche grandezza,
È perchè Iddio pietoso,
Colle creature sue sempre amoroso
Degnossi favorir la mia bassezza.
G. A sentìve parlâ con ste esprescioin,
Me confermo ancon ciù ne-e mæ opinioin.
E nostre donne che se vantan tanto
D’ëse belle e virtuose:... ma pensæ....
Pêuan proprio nascondise in t’un canto,
In faccia a questa, chi ha tanta umiltæ.
Via dunque, cao Giöxeppe, dæme a man
E lasciæ che ve-a baxe esto villan
(Si prova di baciare di sorpresa la mano di s. Giuseppe).
E se n’æse temenza
De mancâ de rispetto e de creanza,
Finn-a a vostra baxiæ, Santa Maria,
Imprimma d’andâ via.
Ma de questo per aöa[sic] ne fö senza.
Ve fasso ad ogni moddo riverenza;