Pagina:Giaimo.dal.dialetto alla.lingua.2.1924.pdf/51

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

nostru ommu u s’é giôu per dî quarcôsa, ma u nu l’ha ciü vistu nisciün. Currindu de passu lestu, u s’é truvôu presto da-a porta de casa dunde gh’ea só muggé tütta arraggiâ perchè u l’ea féùa da tante ue.

Intrôu drentu, u l’ha lasciâ ben sfugâ, poi u gh’ha dumandôu côse a l’aveiva faètu da mangiâ. « E côse ti véù che aggie faètu, se in casa nu gh’é ciü ninte? Ho missu int’ün pô d’aègua l’ürtima brancâ de faènn-a e là vixìn a-u féùgu gh’è ün poviôu che u piggia ün cüggiâ de stu broddu ».

« Ma che broddu! — u l’ha faètu lé, — piggia questa munea d’ou ; va aa tratturia chì vixìn e fatte dâ quellu che gh’han de ciü bùn, e a quellu poviôu cristu là, digghe che u vegne a mangiâ lé ascì perchè ôua ghe n’é per tütti ».

A donna a l’ha ammiôu cun a bucca averta e a gh’ha ditu: « Ma se stamattìn ti e sciurtìu sensa ünn-a palanca int’a stacca, cumme ti faè ôua a spende e munee d’öu? Côse ti haè faètu? ».

« Ninte de mâ, sta següa » e u gh’ha cuntôu tüttu, poi u gh’ha

nessuno. Correndo a passi affret­ tati, si trovò presto alla porta di casa sua ove era sua móglie ir­ ritata perchè egli era fuori da tante ore. E ntrato dentro, la la­ sciò ben sfogare poi le dom andò che cosa avesse fatto da m an­ giare. <( E che vuoi ch’io abbia fatto se in casa non c’è più nulla? H o messo in un po’ d ’acqua l’ulti­ mo pugno di farina e là vicino al fuoco vi è un pover’uomo che prende una cucchiaiata di que sto brodo ». <(M a che brodo! — fece lui — prendi questa moneta d ’oro, va alla trattoria vicina e fatti dare quello che hanno di mèglio, e dì a quel pover’uomo là che venga a mangiare anche lui per­ ché ora ce n’ è per tutti ». L a donna lo guardò a bocca aperta e gli disse : « M a se qué­ sta m attina sei uscito senza un soldo in tasca, come fai ora a spendere le monete d ’oro? Che cosa hai fatto? ». (( N ulla di male, sta sicura » e le raccontò tutto, poi le do­ m andò se sapesse le dodici p a­ role della verità. « L e dodici parole della ve­ rità son presto dette — fece su­ bito quélla, che aveva la lingua