Pagina:Comici.schiavi.djvu/59

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

SECONDO. 47

SCENA SETTIMA.
Caporale, Minetta.

Min. E-lo ra verité, ò m'han ciantoù una carotta, che con questa compagnia de comedianti, ghe ne sé un mié paizan? Ou se fuise cossì, e vorré paghá ra ciù bella cosa ch'haggie ra Reggina* mé patronna: ma cian; questo chi ven in sà o me n'ha ere.

Cap. Tè té, che tiorba è questa? Frae guarde bella giovena*, me pá d'haveive conosciuo. Cappari! in Turchia gh'è dra roba da Cristien.*

Min. Si pù che sentirò unna votta unna lengua chi me piaxe, amigo, si ben son in sti paeixi son carne battezá mi assie.

Cap. Toccherà* sciù, à ra parola m'accorzo che sei Zeneize, haggiandora mossa; ma che diao v'ha straccou con sti barbotti?

Min. No meritemmo* chiù motti à tora, grosse come ro pugno re ho traose* con queste bestie.

Cap. Che scapola-o? E no manco de dive, e vorré che fuissan sbiri, che v'asseguro che faré vostre vendette.

Min. Lascemmo corre, che gh'hò feto ro callo, parlemmo un pò dra nostra Ziena, che me cazze re stisse de saveine querche noeva; ò Ziena Ziena cocagna dre camerere.

Cap. Cosa vorreive* che ve dighe, l'è in