Pagina:Comici.schiavi.djvu/137

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


SCENA TERZA
Caporale.

Chi và là où no porrela capitaghe quarche leente de quelli che chi se fan peneiroe dri canoin dri artigiarie? così frà ciero, e scuro l'è apuinto l'hora dre croste; me pà così che vorreiva con questa puinta de labarda traghe foera ro regio, e fane unna tomaxella. Questo Rè mié patron con tutta ra sò Seneca s[']e lasciou ingaggià dall'amò d'unna garzonna, ò ra ten chi drento ch'o l'hà puira che l'arsura no ghe ra sciorbe, e in tanto chi de foera o fa fà re sentinelle come se foissimo à Perpignan: Lamma stame lesta: pà che burle, mà à l'hà un fi così netto, e mi ra manezo così da hommo, che mi dareiva l'annimo con un reerso, ò dui à ro chiù de fà ra barba à un reguxeo senza guastaghe re masche, me pà de sentì no sò chi, eh che no gh[']e niente, má ri oeggi me boettan tanto foego che me fan chiere belle. In effetto tutto è fora foè che un pò de bravura: l'heramo menna ra cazza per ro fondo, e quello ch'importa chiù, re garzonne ghe fan tanto d'oeggio. Cose ve