Pagina:Comeddie.DeFranchi.1830.djvu/200

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

Arp. De che delitto intendo parlâ? Ti no ro sæ? ti fæ ro nescio? non gh’è ciù lœugo d’ascondero: sò tutto. Mascarçon! abuzâ così dra mæ bontæ; introdúite in caza mæ per tradîme à questa manera?

Val. Signore, giacchè la cosa vi è nota, non cercherò di negarvela.

Meist. A saræ graçiosa, ch’avesse indovinao, sença pensâghe.

Val. Era mia intenzione di parlarvene quanto prima, e non aspettava che l'occasione favorevole; ma giacchè sapete tutto, vi prego ad ascoltar le mie ragioni senza alterarvi.

Arp. Re raxoín d'assassinâme? e che raxoin pœutto prodúe, laddro infame?

Val. Signore, non merito un tal nome. E' vero che vi ho offeso; ma finalmente la mia colpa è perdonabile.

Arp. Perdonabile un assassinamento de questa sorte?

Val. Di grazia non andate in collera. Quando mi avrete ascoltato, vedrete, che il male non è grande quanto lo fate.

Arp. O non è grande comme ro façço? Piççafron! ro mæ sangue, ro mæ ben, re mæ viscere!

Val. Il vostro sangue, Signore, sarà in buone mani. Io sono d'una condizione, che non può farvi vergogna; e non è in tutto ciò cosa che non possa ripararsi facilmente.