Pagina:Cavallo Cittara 1665.djvu/267

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

Intre pielle de simili animæ
O serrava ri venti pe ra stæ:

Osciù, come se sè
Re me mascielle se re piggie in don
Un ta, che a Sestri è nominou Sanson.

E che se daghe ancon
Subito morto l'unna, e l'atra oreggia
A un Sordo, che a Rè Mida s'assemeggia

Lascio per maraveggia
Unna Pria, ch'hò intro collo a mie* compagno
Per fane cose dixe [Alberto Magno]

Lascio d'intr'un cavagno
Ra cavezza, un sonaggio, e doi chiappoin
Per aseto all'atr'Aze mie* vexin.

E lascio in feta fin
(Zà che ho da restà chi com'un sambugo)
Ro mie piffaro, e l'organo a frè Ugo.

Fin che me sento in sugo
Lascio ro siegho a Boggi Spetià,
Perche ò ro tiegne li per un serto ma.

Con ra gamba attaccà
Ancon ro Piè com l'ongia lascia* vuoeggio
A quarchun chi patisce de mà d'oeggio.

E lascio in sò desgoeggio