Pagina:Canson de arti e mestié.djvu/29

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


117
L'è o piezo che ro galante
chi soleiva mangià
o gh'ha deto o cianto
per che o n'ha ciu un dinà
così o so galante
l'è hà[sic] despeation
flon flon, e l'appetitto
flon flon l'è o so pattron

118
Ma ben unna ressetta
aora ve voeggio dà
se ra bergora lesta
vorrei tegnira per ra cà
feghe assazzà o canello
quando ven l'occasion
flon flon e miè che n'aggian
flon flon ro gallanton

119
Compatime bergore care
se ho dito mà de vuoì
e per non arraggiave
andevene a dormì
ammortene ro lume
leveve da ro barcon
flon flon andevene in letto
flon flon sciu ro saccon

120
E vuoi atre signoette
che me seì stete a sentì
doman sareì marotte
se non ve ne andè a dormì
leveve re fadette
a camisa, e ro gippon
flon flon andevene in letto
flon flon diggo da bon

121
Bonna seia me ne vaggo
mi assì a reposà
che se a goa non me bagno
mi non posso ciù cantà
bonna seia belli e belle
che sei stete a ro barcon
flon flon ve a daggo a tutti
flon flon fin a ro bergoron