Pagina:Canson de arti e mestié.djvu/25

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


unna capponiea bella
un ghindao, un baston
flon flon ò scià se l'accatte
flon flon sciò mè patron

100
I sentì puoè sbraggiane
caccienene unna fetta
tanto da dezazunase
denene unna fregoglietta
bella signoa caa
demene solo un boccon
flon flon a ro Pentemin
flon flon aggiè compassion

101
Ma perr haoa voeggio lascià
tutti ri atri mestiè
o scopellin, o marmarà
l'indoroù, e ro stoppiè
ro schultò, e ro pittò
con quarch'atra proffession
flon flon vuoeggio cantà
flon flon dro bergoron

102
Chi se scortisse ste bergore
che son a ro barcon
ne den dì fra lò atre
nuoì non intremmo intra canzon
per che a nostra non è arte
ne mestiè, ne profession
flon flon mariev' vo' belle
flon flon mariev' vo' don

103
Ma tanto a vostra parte
ve tocca ancon a vuoì
cose l'è a vostr'arte
ve dirò de stè a sentì
a vostr'arte l'è questa
d'arrobà se puoei o patron
flon flon per regalane
flon flon o gallanton