Pagina:Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876.djvu/177

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

Template:RigaIntestazione

santo principo beneyto
chi in cel sei recoieto,
poi che oi sei tanto possente[1]
40e pin de vertue tante,
pregai per mi lo segnor De
che in ogni perigolo me
e ncontra ognuchana noximento
44lo me dea salvamento,
e mi l angero so me defenda
che l enimigo no m ofenda;
de peccao me faza mundo,
48de che e sento si gran pondo,
e me faza si vertuoso
lui servi con cor ioyoso;
si che per cura e per perguere[2]
52de voi, gran principo sobrere,
e sea salvo e mi menei
a quela gloria unde voi sei,
con quelo grezo benastuo[3]
56chi da De v e conzeuo. Amen.


V.


Ad sanctam Luciam (c. vii).


Madona santa Lucia,
de gran meriti condia,
monto nobel per natura,
4dolce e humel creatura,
chi gran richeze a voi laxee[4]
einpiegasti[5] in porvetae,
a mendigui sovegnando,
8semper a De proximando;
en la corpaa fosti[6] e acussaa
e a un tyrano apresentaa
de quela gente pagana,
12per zo che voi eri crestiana.
per mantegner vergenitae
avesti grande aversitae;
tanto ve vossem perseguir
16per virginitae vostra rompir,
voiandove partir da De,
e voi tira in logo re
unde chaschaun de lor
20far ve posse desenor;
che tuta soa forza missem
a zo che eli ve perventissem,[7]
per zo che voi li confondeivi
24chon le raxon che voi dixeivi.
ma De chi sa soi servior
e aprestao secoreor
con lo so Spirito Santo;
28unde fermamento tanto,
che ni corde[8] ni con cavi
ni con boi ni homi bravi,
de lo logo unde voi staxeivi
32e fermai li pei teneivi
ne ve poen mai stramuar
per dever con voi peccar:
che nexun inzegno var
36un De vor contrariar.
contra voi lo fogo ardente
e atre penne incontenente
fone[9] amortae, como De vosse
40chi da conseio in tute cosse.


  1. 39. possante.
  2. 51. preguere.
  3. 55. l’e di grezo partecipa dell’o;- benastruo.
  4. V, 5. laxae
  5. 6. scritto e in piegasti; leggi empiegasti.
  6. 9. così il ms. Forse: e acorpaa fosti.
  7. 22. pervertissem. Questo verso nel codice sta, per isbaglio dell’amanuense, dopo i due susseguenti (23-4). Due punti (:), segnati a destra di esso, avvertono dell’errore. Altri segni ( // ) sono preposti, per lo stesso fine, ai due versi 23, 24.
  8. 29. con corde.
  9. 39. fom.