Pagina:Applauzo de Zena 1653.djvu/11

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia


18.
Che re stráde[sic], e ri passi
Non solo dra Cittæ, mà dre frontére
Dri Zovi, e dre Rivere
Libere da bandij, e smarraggiassi;
Ro camin largo, e tira
Con l’oro in man sensa nissunna puira;
Con fá savei che chi è cattivo sbratte
Che ra Giusticia da pertutto batte
Ne daran lo assì ro Quadernetto
A penna, e, à, caramá dro cuinto netto.

19.
Che deferente nuoeva
No ne pueiva aspétá per nissun cuinti
A ro tirá dri cuinti
Ra sò Patria, à, ra massima dra pruoeva;
Che à questa barestriggia
L’oebbrigava l’honó dra sò famiggia
Mentre che in un Duxægo tanto incerto
O doveiva oura lé veise preferto
Per comparí com’in campagna raza
Duxe trà cinque Duxi in unna Caza.