Pagina:ASLSP.VI.1868.A.Vigna.djvu/604

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

anno 1456 ( 580 )

maritimo, lo quale andando appresso a exeguire quello che era ordenao, lo magnifico officio de san Zorzo digando che le cose de Caffà besognavam de remedio e presto per le nove che se haveiva de levante, parendoghe che l'armà dovesse essere piu tarda che non besognava allo partire delle doe nave alevè per Caffà, requexe a questo officio maritimo che ello volesse lassare andare via quelle doe, la qual cosa non volendo lo dicto officio per se solo prenderse charego, volse avei lo parei de parecchi eletti citain li que inte[i]xo et examinao tutto, concorsem che men male era lassare andare quelle doe nave che induxiarle piu. E per questo respetto se era sopraseduo in lo resto della armà. Adesso per le nove che se sono ha[v]ue de levante, che quello passagio se era piu tardo che non se estimava, e dall'altra parte havendose novo aviso che alli 16 dello me[i]xe passao le nave de re eran partie de Gaita per andare a frapena[sic], item essendo etiam questo officio maritimo molestao de licentiare le nave aviagiè per ponente, gh'è parsuo ben congregarve qui per have[i]re de novo lo vostro parei in tutto quello che ve parrà de fare in questa materia.

Poichè questa posta era steta ordenà e' l'è vegnuo un zove zenoe[i]ze nogierante de nave partio a li 20 da Napoli e dixe che alli 22 del[o] me[i]se le nave del[o] re eran ancora a Gaita [...] chi è per partì quam primum havessem tempo, e per so estimo ello non crede che possan essere partie piu presto come da doi di de fevrà in cia[sic]; perochè per avanti non è parsuo tempo da partì, de che v'è feto notitia perchè come megio avisè voi porze[i] lo vostro consegio.

DOCUMENTO CGXLIX. 1 Protettori commettono al nobile Matteo Fiaschi in Roma di impetrare da Calisto 111 l'esportazione dai suoi Stati delle otto mila mine di grano promesse al Doge pel giorno t.° di maggio prossimo.

456 , 20 marzo 

(Litterar. offìc. s. Georg, ann. 14Ò4-1457) (fol. 251) Generoso viro matlieo de flisco. conciui nostro dilectissimo. apud romani. Ut scitis. generose vir. conciuis noster dilectissime. quamprimum nobis in- notuit quod ciuitas caphe inopia tritici laborabat. postposilis multis et ingentibus