Pagina:ASLSP.VI.1868.A.Vigna.djvu/119

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

( 97 ) DOCUMENTI

Dilectissimi nostri. Benché a noi sia stato molestissimo haveire saputo per la nave de Georgio de Oria venuta al presente da Chio che la nave de Jeronimo de Oria et Teramo Lomellino mandate da noi cum grande quantitate de homini, arme et munitione pro defensione et conforto di quella nostra citate non siano passate in lo Mare Maiore per le caxione le quale crediamo siano a voi manifeste: tamen se siamo confortati assai inteizo che le dicte nave ritornate a Sio solamenti expectavano tempo per passare dentro et proseguire il suo viagio. Per la qual caxone habiamo scripto et mandati messi et lettere per diverse vie a li commissarii nostri de le dicte nave che presto presto senza dilatione se parteno et proseguano loro viagio. Per conforto vostro le dicte doe sono obligate quomodocumque sit de passare in lo Mar Maiore et venir a voi sete in grandissime pene, et di questo ne hano dato securitate de grande soma de denari, perchè non dubitiamo, mentre serano passate quam primum haverano avuto tempo. Et tamen se qualche caxo non pensiato havese impedito lo lor passare, la qual cosa non crediamo, havemo commisso a li commissarii nostri che in questo caxo asoldeno a Sio altre nave et homini, a ciò che non manche la prohisione la quale hahemo ordinato vegna in quello loco. Voi doheti intendere che noi e tuti li citadini nostri amiamo quella amplissima citate più cha li ogii nostri, et pensiamo diligentemente in tute quelle cose le quale non solum pertegnano a la salute et conservatione vostra, sed etiam a multiplicare et crescere quella citate a noi carissima.

Confortàtive adoncha et dative ad intendere che se bizognasse spendere tute le facultate de Zenoesi per salute et conseruatione vostra, nunquam incresceria a tuti i citadini fare ogni provisione la quale dovese salvare et conservare quella citate. Queste doe nave cum lo adiutorio de Dio erano cum grande numero de homini, arme et munitione, et cosi etiam altre se bizognerà. Et speriamo in lo onnipotente Dio et glorioso confalonero nostro santo Georgio che li trafichi presto se farano a la uzansa, et voi dentro da breve tempo sentireti quanta utilitate haverà prezo quella citate del governo nostro, soto lo quale ogni terra et citate nostra iubila et sta in pace et tranquillitate, como ciascuno manifestamente vede.

Data die xx augusti mccccliiii.