Ms. Ricci 1080-2/Canzonette

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ms. Ricci 1080, sec. XVIII
Canzonette
[p. 32r modifica]
Canzonette

1.
Viegno à sercà con sprescia, ro mè cuoe che ho perso chì
che pre a languidezza, son privo dra dolcezza
non ho posciuo dormì
viegno à sercà con sprescia, ro me cuoè che ho perso chì

2.
Non posso ciù mi muoeo
cari vexin pietè
me sento ra morte aproevo
serto mi non l'attroevo
ve ro zuo in veritè
non posso ciù mi muoeo
cari vexin pietè.

3.
Ne ho visto duì ladretti
che puoeran giusto Frè
son tanto sti furbetti
che de pietè son netti
ve ro zuo in veritè
ne ho visto dui ladretti
che puoeran giusto Frè.

4.
Seì gianca dentro, e fuoera
diggo da poverin
ciù che ra prescinsuoera
ciù che ra neive nuoeva
e ciù che ro giasemin
seì gianca dentro, e fuoera
diggo da Poverin.

5.
Si ben che son brunetto
non ve stè à spaventà
che l'annimo l'ho netto
con tanto puro affetto

[p. 32v modifica]

ro cuoè l'ho de bugà
si ben che son brunetto
non ve stè à spaventà

6.
In ca' dra mè patronna
g[']ho ruoese, e giasemin
ò parloù con ra tà personna
ch'a l[']è tanto dose, e bonna
dà rente, e dà vexin
in ca' dra me patronna
g[']ho ruoese, e giasemin.

7.
Voreì comportà che muoere
un vostro servitò
l[']è d'evidente proeva
che pre o vostro amò
vorrei comportà che muoere
un vostro servitò.

8.
Ra sciamma chi me bruxa
vuoi sola a puoeì ammortà
non me trovè ciù scusa
ch'aura ciù non s'usa
fase tanto pregà
ra sciamma chi me bruxa
vuoì sola ra puoeì ammortà

9.
Mirè lasciù re stelle
causa de tanto mà
son ciù brillanti quelle
ciù brillanti, e ciù belle
stè un poco ciù aspetà
mirà lasciù re stelle
causa de tanto mà.