Ro Chittarrin/Ra giroxia

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ro Chittarrin, o sæ strofoggi dra muza de Steva de Franchi
Ra giroxia


[p. 68 modifica]
RA GIROXIA.


Vorræ savei, Minetta,
Perchè non me guardæ;
E così dura stæ,
In aria de scorroçço e d'arraggiâ?
Cos'è sta stravagança?
Povera mæ costança!
Così me strapaççæ?
Intendo, voî vorei veime un dì morto.
Sì sì che morirò,
Contenta voî sarei.

Tutto dì seì giroza,
Che parle à questa ò quella,
Sæ brutta, ò segge bella,
Tutto ve dà fastidio, e pe ro nazo,
Devento tosto matto,
No ghe troevo[sic] recatto,
Così ec.
Intendo ec.
Sì sì ec.
Contenta ec.

[p. 69 modifica]


Me trœuvo stuffo e stanco
De questa marottía,
Parlo dra giroxía,
Chi ve fa vei vescighe per lanterne.
Nè in terra nè in mariña
Non troverei meixiña.
Così ec. ec.

Me stracquo e m'affatigo
Con dî, son innoçente;
E me dæ giusto mente,
Comme ne dà ro Pappa à ri forfanti.
Tutto ve finzei vero
Ogni vostro pensiero.
Così ec. ec.

Finimmo questa vitta,
Maxinâ, ve sconzuro;
Atrimenti ve zuro
Che morirò de cruçio e pin d'affanno.
Dunque à raxon ni à torto
Per mi non gh'è conforto?
Così ec. ec.