Rime diverse in lingua genovese/Resposta dre Donne

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Rime diverse in lingua genovese de Poro Foggetta
Resposta dre Donne
da-e Rime diverse in lingua genovese, Bartoli, Pavia, 1588
cangiòu e u in v e viçeversa
clicca i asterischi pe l'errata corrige
[p. 54 modifica]
Resposta dre Donne.


Prima che mandè fuera voi Citten,
Ri cappitori feti contra noi,
Lezei de gratia questi versi ben
Che puoè chiu dritto forsi anderei voi,
Per che conoscerei che no conven
Che deggiè reformà ri nostri erroi,
Se voi, chi chiù de noi n'havei mestè
Senza anchon refformave andè derrè.

Template:OE ro reverso fè de zò che dei
Che à noi de bone robbe fè desmette,
E tra voi mille fersi ve mettei
Che à noi de raxon drita dei fà mette,
E solo attendei fora à ben parei
E d'homi sei vegnui femenette,
Che zò che fà re figgie, e donne den
Voi zoveni aura fè, chi no sta ben.

[p. 55 modifica]


Template:OA noi conven tegni* chiù de voi cura
D'un bello, e ben vestì chi ne da gratia;
E n'accrescie bellezza à ra natura
Si che de veine l'homo moè se satia,
Che asse* mancha à ra donna in zoventura
Se ghe mancha bellezza per desgratia,
Che se ben savie, honeste, e genti* semo
Senza bellezza comparei nò poemo.

Template:OMa basta a l'homo d'esse virtuoso
Se ben si bello corpo, e viso, ò n'hà,
Che ro bello de l'huomo[sic], e* dentro ascoso
E dra bellezza fuora segno, o dà,
Si che senza fà galle, e andà pomposo.
Bello ra so virtù parei ro fà;
Anzi à voi homi sta ra pompa mà
Se ben chiù de noi donne l'usè fà.

Template:OE a l'incanto chi spesso ne fe vende
Robe belle, e gentì per deviare,
Si piggian robe de noi donne grende
Certi, che no son degni d'aguardare,
Com'esti Riveraschi se han da spende
E la como ghe pà pon sempre usare,
Che innanti cha lasciare in ca guastà
Per sodi à chi ne vo, i usemo dà.

[p. 56 modifica]


Template:OVoi ne fe torto che l'è cosa ingiusta
Che ne fassè desmette a son de cria,
Ra bonna roba, chi ne zova, e gusta
Che roba ancora a n'è da buttà via,
Per ch'un bon drappò*, e sodo moè se frusta
Como quello ch'usemo tuttavia,
E mont'agni porreimo ancora uxaro
Quand'à noi donne voi lasciassi faro.

Template:OMa se re robe pu bandi* chiaxe
Dre zovene, fantinne, e viduette,
Che l'uso de tè robe ve deschiaxe
A ro manco aspetè che sen vegiette,
Perch'aura dà no se ghe poemo paxe
Che robe bonne anchon ne fè desmette,
Como se fossan robe vegie, e brutte
E sotta e sovra guaste, e perè tutte.

Template:OA strenzene de robe stenterei
Se ben tegnine streite dexirè,
Che quanto voi chiù strenze ne vorrei
Tanto allargane chiù veirei ra strè,
Però voi mesmi arvinera chiu dei
Può che tanto tra voi ve l'allarghè,
Che s'ogni ferso mette ve poei voi
Faro con chiù raxon possemo noi.

[p. 57 modifica]


Template:ORa borsa questi avari, e scarsa fette
    Se cren fane tegnì sempre serrà,
    Con fà dre bonne robe à noi desmette
    Si chiù ne ra fan sempre sbarrassà
    Perche dri novi fersi ne fan mette
    Che chiù dri primi n'usan de gustà
    Che se l'antigo ferso uxà no poemo
    Un novo in cangio ben se ne mettemo.

Template:OSe quarche roba pu vorrei levane
    Leve* d'uverno a noi ro taffettà,
    Che lavò si soti* no po ascadane
    E chi ro porta adosso ma ne stà,
    Perche l'è si lengie* che, ò fa chioccane
    Possia a se doggia che ma pro ne fà,
    E in fin donne lengiere noi paremo
    Se con ro taffettà chioccando andemo.

Template:OPerò lavoi chiù sodi, e chiu porpui
    Portà vorreimo sovra per re strè
    Como sareivan quelli de vellui,
    Che voi homi d'uzansa fuò porte,*
    E vorrentè chiù spendereimo scui
    In te lavoi, cha in taffettà dinè,
    E un parmo ghe vorreimo aro men noi
    De lista per orna* questi lavoi.

[p. 58 modifica]


Template:ONoi pronte semo sempre a fa re galle,
Ma no voi homi chi hàvei* gran facende,
Perche arvi* dei butteghe, e spacchià balle
E a Magistrati ve besogna attende,
E a ro comun ve conven da re spalle
S'in cangià fersi vorei tempo spende,
Ni ra buttega fruta, o mercantia
S'ande derre* re galle tuttavia.

Template:OPero* voi mesmi reformà ve dei
Che chiù ne besugne* cha noi moggiè,
O se pù reformà no ve vorrei
E a l'uso tristo andà vorei derre;*
Anchora a noi lasciane mette dei
Zò che chiù se mettemo vorentè,
Ni a i atri dei quella reforma dà
Che per voi mesmi no vorrei piggia.*

Template:OChe così como a voi l'usanza gusta
De cangià tra voi robe in gran bellezza,
Cosi ra donna fin che l'e rebusta
De cangia* fersi a sente gran docezza,
E per natura anchon ra donna frusta
De cangià fersi goe in so veggiezza;
E inanti de mancha de cangia* ferso,
Dra roba frusta, a l'usa ro reverso.

[p. 59 modifica]


Template:OLasciane ancon fa noi può che fe voi
E l'un per contra l'atro metteremo,
Anzi avantaggio in zò demo havei noi
Se ben compagne in i atre cose semo,
Per che de i homi femo manco erroi
Quando per parei ben fersi cangiemo,
Con tutto zò desorva vorrei stà
Ni dro parei con noi ve basta andà.

Template:ONi vorrei che à re robe sugo demo
Ni a re nostre sciorette, e lavoi tè,
Che dritti con ro sugo stà facemo
Si ne stan tanto ben, che votte asse,*
Con questo sugo in sugo ve mettemo
Tanto che voi de bada ne sposè,
Se ben dote si grende s'usa dà
Che se pon poche figgie marià.

Template:OPa che voi homi atro n'aggiè da fa
Che reforma* noi figgie, e zovenette;
Che zò che chiaxe à voi ne fe porta*
E de sotta, e de sorva re Giacchette,
Che aconzà ne fè voi como ve pà
E sempre adosso sei dre garzonette,
Si vorrei che serrè d'avanti andemo
Se ben de mostrà chiera, Zena ornemo.

[p. 60 modifica]


Template:OSe no vorrei ch'innanti andema* averte
Como fin aura a Zena andete semo,
E che voggie* che stemo ben coverte
De contentave in zò se contentemo,
Perche veghemo ben che descoverte
Da ri chinze agni in sù, ben no staghemo,
Coverte noi staremo, se portà
Ne lasciè sotta quello che a voi* pà.

Template:OPorta* voggiemo ancora ri Pendin
E nue se vorrei può resteremo,
Pù che ne reste questi battaggin
Che ri pertuxi a posta feti gh[']emo,
Per farseri infira* seira, e mattin
Ni sta senza pendin noi donne poemo,
Mancà voggiemo dri Galletti avanti
E belle scioi, cha dri pendin gallanti.

Template:OTanto gustemo noi zovene, e foente
De porta* de pendin si belli un pà,
Che stete sode semo, e patiente
A lasciasse garzonne pertusa,*
I orreggie tenerette tutte quente
Per poei questi pendin sempre portà
E hora che donne fette semo noi
Levà questi pendin no ne dei voi.

[p. 61 modifica]


Template:OMancà voggiemo inanti dre fe bonne
Che in dio noi portemo d'oro bon,
Mancà voggiemo inanti noi garzonne,
Dri cuoe ferij, che donè ne son,
Manca voggiemo noi dre cheinettonne
E verghe d'oro, e brassalletti anchon,
E dre perle, barasci, e dri Rebin
Cha mancà de portà questi pendin.

Template:OPù che lascie* ri pendin cari a noi
Che a torto voi citten ne devie,*
Re nostre annelle lascieremo a voi
E chenne ancora, che ne bezugne;*
Per che portando robe de corui*
Ne pa che anchon re chenne merite,*
Ma basta a noi de l'amorosa chenna
Dra qua ro De d'amò sempre n'inchenna.

Template:OSe n'ame* quanto dei no dei levà
Da noi, chi amemo voi, ri pendin cari
Anzi poscia ch'in noi fan fruto ta,
Che n'addoggian bellezza de portari,
Non soramenti ne ri dei lascia*
Ma voi mesmi a noi dei tutt'infirari,
Fin che havei d'oggio bonna coa voi
Da trova* ri pertuxi c'hamo noi.

[p. 62 modifica]


Template:OCon pendin tanto belli noi garsonne
Porta derre* ra coa ancon voggiemo,
Perch'uzansa questa è da gren personne
Ben che portare à i atre anchon veghemo,
Che à sta si ben derrè re robe bonne
Che pendin senza coa no voggiemo,
Ni per chioggia manchemo de portara
Che per re strè no usemo d'imbratara.

Template:OPortà derre* ra coa tutta via
Ne conven, como noi se gh'aviemo,
Si che se dra reforma andara* cria
Per Zena à son de tromba sentiremo,
Che da noi sè ra coa leva* via
E ri pendin, bandi* se lascieremo,
Quando anda* ben ne fessi a ro Perù
E in cò dro mondo, largo da noi chiù.

Template:OIn fin questa è pu troppo criminà
Ch'aura in questa superba, e gran cittè,
Da citten se veghemo despoggia*
Como a Baccan fan, i assassin de strè,
Ma se con noi vorressan drito andà
E fà con noi so debito esti tè,
Se cavereivan fin a ra camixa
Per ben crovine quando tra ra bixa.