Ra cittara zeneize 1636/Sciù ri ormi, sciù ri pin, ò sciù re noxe

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Ra cittara zeneize de Gian Giacomo Cavallo
Do Françesco Bogian
Zena, Gioxeppe Pavon, 1636
In corscivo e ligatue. Gh'amanca i acenti aguççi.
[p. 148 modifica]
DEL SIGNOR
FRANCESCO
BOGLIANO.


Sciù ri ormi, sciù ri pin, ò sciù re noxe
Cilla nò s’ode un'oxellin ciarle,
E ro Bezagno, ch'era zà à ra Foxe
Per sepellise in Ma, torna adderre;

Tutto in senti Ballin chi porta in Ce
Ra sò Maxinna con si doce voxe,
Mentre chianzando ò dixe che per le
O porta sciù re spalle unna gran croxe.

Oh' bia ti, Maxinna! ti saræ
In secolo dri secoli onora
Per ogni borgo, e in tutte re Cittæ,

Perchè ti saræ vista cavarca
Un Cavallo si bon, da nò puei moæ
Avanzaro ro Tempo in Caminna.

[p. 149 modifica]

RISPOSTA


Boggian, va poco che sotto ra Noxe,
Fasse Amo con incanti ro ciarle,
O ch'ò scorre Maxinna fe ra foxe
Per fara in ver Ballin voze adderre;

Che ra Crua, missa sciù ri sette Ce
Da chi g'hà perso aproeo tosto ra voxe,
Con formase un Pareizo da per le,
A nò da chiù de Griffi, ni de Croxe:

Tanto che ra mæ Muza, chi saræ,
(Com'oura l'è da vuoi tant'onora)
Per le chiù che ben vista à ra Cittæ,

Vistase con strapasso cavarca,
A rompicollo oura per sempremoæ
A me lascia à ra liggia caminna.