Propoxiçioin a-o Conseggio di Ançien/Propoxiçion contra Galeotto do Carretto 1437

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Propoxiçion a-o Conseggio di Ançien contra Galeotto do Carretto
24 sett. 1437
Zena, Arch. de Stato, Diversorum, Reg. 23, c. 157 v. (ed. da Ghigermo Salvi, "Galeotto I del Carretto", 1937 - www.storiapatriagenova.it)

Intervento do cançelê:

[p. 145 modifica]«Segnoi, voi sei demandae cocì per caxum, la qual grandissimamenti apartem a lo bem, a lo honor, a la forma e dignitae de questa citae, e non solamenti a lo bem de tuti noi chi semo presenti, ma etiamdè a quello de nostri figi e de chi descenderà de lor. Per la qual caxum è debito che cascum de noi disponna lo intellecto a bem indender e bem conseiar, e l’animo a deliberar francamenti quello che parrà esser pu utile e pu honoreive. Voi poi aveir odio et lezuo che quelli da lo Carreto, li quae per lo passao ham tegnuo Final, sum semper staeti capitalissimi inimixi de questa republica, ni mae questa comunitae ha avuo guerra forestera per mar o per terra che elli non se seam conligae cum li nostri nimixi. E a lassar star le cose più antighe, seando questa caza rebellante et inimiga de questa citae, fo neces­sario a questo Commum congregar grandissimo exercito cum grevissima [p. 146 modifica]speiza e assediar Final e construe Castelfranco e far le altre cose chi sum note. In la qual impreiza, come se trovereiva in li liberi de Comum, se speize pu de fiorino C mila. Devei etiam de saveir che in la grande guerra chi s 'è avua cum li Venetiani, questi mesmi de Final se conligam cum li nostri inimixi, preizem proditoriamenti Albenga e quella tegnem fim a guerra finia. E possia non la vossem restituir fin che questa communitae non se se ghe trabuta fiorino XXXVI mila. Vegnando li altri tempi [apre]so, mae non è staeto che chi ha vossuo stimular lo governo de questa terra non se abia faeto spelunca e receptaculo de Final; si che quasi in ogni tempo Final ha avuo qualche ribelli e stimulatoi de questa citae. Vegnando a li tempi pu freschi, quanddo aora è XVIII Agni le galee de li Catalain vegnem in la nostra rivera, la soa camera e recepto fue Final. Per le quae esperientie s'è possuo intender che elli mae non han cercao se non la destrucion de questa citae, omissa ogni altra seta e ogni altra parte. E perchè cascum intenda che questo è odio hereditario, che elli semper ham portao a questa republica, considerae um poco como s’è portao e porta Galeoto in che Final è possia pervegnuo. Lo qual, seando feudatario vostro, contra la soa fè e sagramento in li principii de la nostra libertae ha menao Nicolò Pi[ccenim] cum lo exercito de lo duca de Milan a destrue la rivera da ponente e è staeto caxum de tanti incendij, robarie, prexonie e morte, como possia è seguio in quella rivera, la qual se po dir cum veritae esser impoveria e destruta per soa caxum. E non contento de questo, fermandose possia lo campo contra Albenga, li mandà e tegne semper mai grande somma de balestreri contra Albenga li quae ferim et amassam per la multitudine de le balestre monti pu de li nostri che non fè tuto lo resto de lo campo. E a fim che voi intendae como elli è pentìo, ello cum una galeota e doi brigantin continuamente deroba cascum e ve dà grande impachio a le vituarie, de li quae voi averessi abundancia grande de Proenza, se non fosse lo impachio so. Ello è quello chi damnifica e goasta le vostre cabelle de la sal, le quae in questi tempi rendereivam grandissime utilitae, se questo Galeoto cum li soi navilii non le fraodasse e guastasse. Questo è quello chi e ve ha tegnuo e tem, cum grande vergogna de questa comunitae, occupae la Prea, Justannexi e altre terre de Comum, lo qual se vanta de vegnir fim sum questo porto e tegneive assediae, lo qual pu de dexe vote è vegnuo cum exercito a combater Noli e, seando vostro feoter, ha facto e fa quello che abia mae facto alcum capital inimigo. E non ghe basta lo far, anti spesa vota, quando ello ha preizo alcum, manda chì a dir parole de grande arogancia e desprexo de questa comunitae, de le quae iniurie e dani soi ha sentio e sente principalissimamenti la riviera da ponente e li homini di quelle terre, li quae ogni iorno vennem cum lamente e lagreme a demandar remedio che elli possam navegar e vivere. [p. 147 modifica]« Per queste donca e monte atre simile caxom è parsuo bem a lo illustie meser lo duxe e magnifici antiaim e officiali de la bairia de farve convocar cocì, per conseiar in questa materia e considerar se è bem, aora che lo nostro inimigo duca de Milan è occupao in altro e che le cose nostre de oltrazogo sum per la gracia de De redute a bom termem e che voi avei bornia fantaria e cavalli bem in ordem, veniar tante vergogne e dani e far bonna guerra a lo dicto Galeotto, o se meio lassar star. Perchè cascum de voi ha a far bom e savio pensamento e conseiar se a lo presente se dè far questa guerra a lo dicto Galeoto o non ».


Intervento do Steva Catannio:

[p. 148 modifica]« elo non dubita niente che meser Galeoto da lo Carreto asae tosto debia avei noticia de questo Consegio, perchè ge par favor della cosa che pu citadim parlem, persochè ancora che la posta se vensese per li savi chi am parlao ela non restereiva sote tanto favor la impreisa como parlando pu persone; e a aregordao che, quando la impreiza de le guerre se fam cum iusto titulo, meser domine De le adrisa e le conduxe a bon fim; et tornando a la posta saviamenti lezua per lo canzerer, la qual elo dixe avei bem inteiza, aregordandose aver odio de quelo chi è scrito le coronice, à dito li Carratim esser staeti semper inimixi de la nostra comunitae e avei uzao per lo passao inver de noi mooy curdelitae cha quelle chi sum scripte in la posta e che così sea in le dicte coronice, se elo bem se arecorda, è scritto li Carratim esser t[r]aytoi de questa nostra Republica, e per tanto payrando a ello tempo monto congruo a proceder contra de Galeoto da lo Carreto, capital inimigo de tuti li Zenoeixi et non de parte, in che elo non po avei excuzacion alcuna, sea che ello ode per le lobie la vorentae de li citadim a proceder contra elo, sea perchè lo duca de Milam a lo presente a da far asae, sea etiamdee perchè elo se rende certo che li homi de lo dicto Galeoto, e chi a lo prezente an le lor olive et fruti su le broche , voran pu tosto la destruction o sotemission de lo dicto Galeoto cha lo lor dano. Per le quae cose, concludendo, ello conseia che se proceda contra de lo dito Galeoto virilmenti; che abiando iusta querella, la cosa nostra non po capitar salvo bem. La forma de lo processo e lo tempo e lo como ello remete a la discretion de lo illustre meser lo Duxe e de lo venerabel officio de Baylia ».