Pagina:Rime diuerse in lengva zeneise 1575.djvu/31

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia


A ra Seg. Placidia Paravexinna.


Se a Pallade vesinna ve trové
E con Giunon sei sempre in compagnia
Voi che Venere seì per questa via
Praceda da cascun chiamá ve feé

E precedeì d'ogni atra in verité
De bellezza, de gratia e cortesia
Si me ven ditto ch[e] ra poesia
Zeneixe e forestera voi gusté

Onde mi che me truovo debitó
Dra vostra cortesia e gentilezza
E che ve son schiavetto e servitó

No havendo per compí cosa megió
Ve mando queste ottave dro Foggietta
Re qué son tutte sugo e tutte amó.


A Montado.


D'inzegno e corpo sei Montado grosso
Se crei aggié parlao d'esti chiumetti.
Fo tempo za ch'a donne stava adosso
E ch'indrizzava a figgie dri sonetti.
Aura che vegio son, fá no ro posso
Ni a ló cerco levá creste o galletti