Pagina:Ricci176.djvu/136

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

Che sé beneito quelle cotellé,
Quelle patoffie, quelle ciattoné,

Che questi di passé
Seguì fra quella serta gente ransa,
Che me fen fá a re porte quella pansa;

Perchè questo fu caosa
Che mi con l'aze, e con ra mura mé,
Restasse s[c]ciavo a so Paternité.

E se ben comme fré
Restammo assì con quello Paddre viegio,
Sempre in Borsa però ghe stà ro miegio,

E mi a me dà de viegio,
Quando ra Borsa, ma per sò sciagura
Mostra che datur vacuum in natura,

Osciù l'è chì ra Mura
Che vuoi m'hei demandoù de vostra man
Per mezo dro sció Steva Giustignan,

Ma mi lezei cian, cian,
Mi che dra Mura non me curo un haccha,
In cangio sò vorré da vuoi unna vacca,

Vuoeggio dí quella vacca
Feta da quell'inzegno smeriggioù
Dro mé caro patron Paddre Noxioù,

Che m'è steto quintoù
Ch'o fesse tempo fa sciù bestia tá
Serto componimento singolá;

Onde vuoeggio sperá
Puoeiro non solo havei per mezo vostro
Ma in groù de ciù de questo poco inciostro;

Mentr'un amigo vostro