Pagina:Ra Gerusalemme deliverâ.pdf/135

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

54
O misse confuxion da l'âtro laoù
Re guardie, e o sâtò drento int're trincere:
De braççe, gambe, e teste o fè un mescciaoù,
Che a contâre no poæran cose vere.
E zà a re primme tende o l'è arrivaoù
Con dra gran gente sotto e sò bandere.
E lì a tocco e non tocco seguitava
Clorinda, che dro sò non ghe lasciava.

55
Zà stavan per fuzî ri Crestien
Quando capitò Guelfo in congiontura
Con ra sò gente: e se menò re moen,
Piggion re cose diversa figura.
Ma ra lite in baranço ancon se ten
E chì e là rossezza ra cianura.
Quando da ro sò Trono onnipotente
Ro Ræ dro çê a sta cosa o dè un pô mente.

56
O sezeiva là donde e bon e giusto
A tutto o dà ra lezze, e in concruxion
Non solo a ri confin dro mondo angusto,
Ma fin donde non và senso o raxon.
E dell'eternitæ in ro trono augusto
Con treì lummi o luxìa, che un lumme son,
E o ten sotto ri pê Fato, e Natura
Sò ministri, e ro moto, e chi o mezura,

57
Ro lœugo, e quella, che (comme o comanda)
Ra gloria de sto mondo l'oro i regni
In pûra, in fumme sotte sorve o manda
Con fáse fresco de ri nostri sdegni.
Tutti a questo gran Trono fan ghirlanda,
Chi abarluga de luxe anche i ciù degni:
Miggære de mirioin son ri beati,
Che intorno gh'en, ciù bassi, e poi ciù ati.

58
A ra santa e beata melodia
Dro pareizo rebomban re contræ:
Iddio da ra ciù âta Gerarchia
Michê o ciamma un dri bravi generæ,
E ghe dixe: sta a veì come s'azzîa
Contro ri mæ fedeli battezæ
Ra canaggia d'inferno; e d'intr'o fondo
Dre sò peñe a vorræ inversâ ro mondo.

59
Và, digghe tì, che ro Negiâ fa nêge,[1]
Che ra guerra a i guerrê solo conven,
Che n'occorre che in çê lê ciù se spêge,
Ni che in terra a semeñe ciù velen.
Ch'a torne a re sò brutte cattapêge[2]
In sempiterno priva d'ogni ben,
E che lì a se roziggie sempre urlando
Con tutti ri dannæ: così comando.

60
O taxe: e chì l'Arcangero Michê
A ri sò pê o se bœutta reverente;
Pœuscia ro svœuro o piggia sì legê;
Che a poreìro descrive non gh'è mente.
O passa fœugo e luxe, urtimi çê,
Donde i Beati stan allegramente,
E quello chi è ciamaoù poi crestallin,
E quell'âtro de stelle a lê vexin.

  1. Ognun fa il suo mestiere.
  2. Case orride.