Pagina:Malinverni.Due.brocche.de.viovetta.1908.pdf/10

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

le quelle dove spunta la nota sociale. E non voglio esemplificare oltre. La sua musa non sta in Elicona nè in cielo. A mæ mûsa portoliann-a Gianca e rossa, fresca e sann-a, Leggèa comme ûnn-a cardænn-a, Tûtto o giorno a va in giandon; Aoa a-o Mêu, ciù tardi a-a Maenn-a, Sempre in çerchia da canson.

La musa del Malinverni cede a quella del Fucini e del Pascarella, poeta sovrano quest'ultimo (forse il maggior poeta italiano vivente scrive il romanesco). Non la cede a quella dei Trilussa, Di Giacomo, Barba­ rani, Testoni ed altri poeti dialettali odierni celebratis­ simi, taluno anche troppo celebrato. Certo non è esibi­ zionista la musa che si presenta recando due ciocche di violetta. G. MACAGGI

X