Pagina:La.gierusalemme.liberata.1590.djvu/9

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

A RO SEG. TORQUATO TASSO,


RO POETA ZENEIZE, PORO FOGETTA.

SE ben mille degn'overe laudè
Fe vostro Poere da caschun laudao ,
L'haveive in questo mondo generao ,
Fo l'overa meggiò che o fesse moè.

Perche d'andà per virtuoza strè
Con si veloce passo o v'ha mostrao,
Che ro segno dra groria havei toccao ,
E l'honò vostro honò gh'accresce assè.

Fo so gran laude fase eterno, e chiero ,
E per le mesmo asase à cha de Dè
Con ra virtù che tutt'Italia honora.

Ma ro portaghe voi Torquato ancora,
E vive con doe vitte in terra, e in cè,
È miracoro certo unico, e rero.

A ro famoso Depentò Segnò Bernardo Castello.

Ventura havuo havei Bernardo mao
D'Achille, chi za fè cose amirande
Dre què ra fama in ogni parte spande
Perche ro grand'Homero n'ha cantao:

Ch'in cangio so ro Tasso ha voi laudao,
E Grillo , e Guastavin de queste bande,
Ogn'un dri què d'Homero n'è men grande,
E chiu d'Achille havei voi meritao.

Che se lè notte, e di drà lansa, e spà
Gent'amazzava assè, voi dro penello
E penna, i homi fè resuscità:

E se ben d'agni ancora sei novello,
Voi za poeta, e depentò sei tà,
Ch'Apollo, e Apelle sei chiamao Castello.