Pagina:Italien112.pdf/207

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

e no dí pu de questa cossa, che tropo ge aora che far”. E certo era covegneive cossa, che unde era stao comisso tanta iniquitaj, fosse in grande tristesa e tribulacium in soa vita. E cossì fo. Tornàm questi e dissem a li atri: “Sapiaj che no è remedi de poi trová questa testa a questi tempi”. E dissem inter eli: “El'è bom sepelí questo corpo honoreivementi como se convem; e poa, se noj poremo avej la testa, si la meteremo cum questo beneito corpo”. E fem far la sepotura. E poa portam questo veneraber corpo a lo sepolcro e misengelo dentro; e avanti che lo sepolcro se serasse, li disipoli soi pianzeam dolorossamenti sover questo corpo veneraber, e dixeam levando li ogi a Dee: “O Paire celestiá, unde è la testa de lo to servo? Unde è-la alogà, chi semper anunciava li toj loxi e semper guardava in cel cum li soj ogi? Como ay-tu soferto, oniposente Creator, che la maricia abia tanta segnoria? Vo-tu che noj soteremo questo così mezao, senza testa? Unde è quella testa veneraber? Or soferaj-tu che la butem via e che ella sea deita a maniar a li cani[sic] a le bestie? Pregemote, Paire celestiá, che tu ne dagi gracia de averla”. E eram si grandi li pianti che faxeam li disipoli e le atre personne devote, che parea che se voressem desperá [...] *


E cossì fo sepelio lo corpo glorioso de san Zoane Batesto. E caum tornà a cassa soa cum grandi pianti e lamenti. Pensome che la soa testa fosse zitá in alcum logo de la caza, persochè elo g'era tropo che fá. Creo che alcum homo de la famigia l'alogasse quella testa beneita, [e involsela in qualche panno e segretamente la sotterrò nel palagio medesimo.] *


[...] o de li soj disipoli chi l'amavam semegeivementi* e chi desiravam cum tuto lo lor cor che ello fesse* honorao e che fosse cognosuo la soa bontaj; dixeam in la gente sover ello so che elli poeam dir, e anchum redixeam so che ello avea dito de meser Ihesu, persochè meser Ihesu era reputao inter la gente [grande profeta, e sapevano bene com'egli aveva detto di S. Giovanni che egli era] propheta e pu cha profeta, e como ello era l'angero de lo quar era scrito che ello manderea avanti a ello [a] apareiá la soa via; e tutte queste cosse, e ogni atre le quaj aveam odío da ello, le dixeam cum grande (dexiderio e cum) pianto e dolor sover lo corpo e in fra la gente, per lo grande dexiderio che elli aveam che ello fosse honorao e (a) avuo in reverencia per tuto lo mondo; per che elli criavam: “Zoane profeta, e pu cha profeta, innominao angero Zoane; infra li homi* de le femene, no se ne levà nisun maor; que[sto] è dito per la boca de Christe”.*


*


È si vej che li soj disipoli no cognoseam anchor tuta la veritaj de ello, como cognoseram possa, e como tem la zexia, e como poa l'am loao li nostri santi; e speciamenti voio scrive un sermon che fe san Bernardo de ello, lo quar è scrito in lo libero de la vita de Christe, là unde trata de la morte de san Zoane Ba