Pagina:I pastoi a-o prezeppio1897.djvu/18

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

E se albergo non v’è qui da vicino,
In questo bosco stesso al freddo, al gelo,
Faremo come piace al re del cielo.
M. SS. Il Signor nostro ci governa e regge;
Il suo voler per noi deve esser legge.
Colui che vien delle grandezze umane,
A insegnarci il disprezzo,
Forse, chi sa, per sue ragioni arcane,
Nascer vorrà di questi boschi in mezzo.
G. Ma cäo veggin, sei propio fortunòu
D’aveì questa donninn-a chi da-o lòu.
O comme a parla ben! miæ che pazienza!
E nostre donne son d’atra semenza.
Misse in te questi caxi, öriæ sentî
Cose savieivan dî.
S. G. Se così vuole Iddio,
Sia fatto il suo voler, lo voglio anch’io.
G. Non ho mai visto a-o mondo in vitta mæ
Due personn-e coscì ben accordæ,
Paghiæ unna lia de sangue in mæ davveì
Per dâve un po d’allögio in casa mæ;
Ma semmo dä lontan, lontan assæ.
(Pensoso) Lascæme un po’ pensâ! — A mi — Taxèi
Me ricordo d’avei vista unna votta,
Propio da queste parti chì unna grotta,
Dove de votte se gh’assosta a gente
Quando ciêuve de stæ improvvisamente.
A l’è umidetta e gh’è quarche fissûa;
Ghe stai mëgio però che chi a-a frescûa.
S. G. Grazie davver; mi tengo fortunato
Di questa indicazione,
Si trovi pur la grotta in gramo stato.
E sapreste indicar la posizione
Di questo luogo?