Pagina:Giobatta.Riche.1753.pdf/5

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

A RO SIGNOR
GIAMBATISTA RICHE’,

In occaxion che o fà stampâ
re sò Poexie.

Sonetto dro Signor Abate Conti


Finarmente, ò Riche', tira e retira,
Virà Zena feliçe a i dì d’ancœu
Sciortî quell’oro fin da ro corzœu,
Quelle Rimme passæ pe ra trafira;

Quello bon, quello ben, che ognun sospira,
Quello camin sccianao sença un riççœu,
Quello stile çernuo, che và a ro cœu
In fin, quanto de bon Parnazo inspira.

A vista d'uña mente così fiña,
Ro tempo, che a ra fin tuto sotterra,
Respetterà quest'œuvera diviña:

E quante Arcadie luxan sorveterra
Diran, de voî parlando, a bocca piña:
Se un finto Apollo è in çê, n’è un vero in terra.