Pagina:GSLL 06.pdf/173

Da Wikivivàgna
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

169

che egli si accinse da sè a questo lavoro. Il fatto però che la traduzione approvata in seguito dal governo, era di un altro , e che della sua non troviamo altro cenno, sta a dim ostrare che questa fu trovata deficiente e p e r­ ciò non permessa. Allo scacco subito dall’ amor proprio del tra d u tto r e , si aggiungeva anche una perdita m ate­ riale; perchè il Foglietta, dopo aver posto in rilievo la sua nuova benemerenza, domandava in compenso la g ra ­ zia che la pensione, percepita da lui, venisse devoluta, dopo la sua morte, in favore del figlio, già vecchiotto e malaticcio. Ecco qui la sua istanza, scritta, come al so­ lito, in dialetto [1]

Serenissimi Segnoi,

Quando ro S.mo Senato dè a scrive a me Frè bonna memoria l’historia da n.ra terra o ghe dè a scrive soramenti quello che seguiva a ri so tempi in ri que no occorse cosa degna d’esse scrita, ma conosciando mie che l’antiga groria de Zena restava sepolta e parendome che me Frè fosse atto a cavara fuò dra sepotura, e a fara vive sempre, ghe fei scrive l’historia di nostri groriosi strappassè, comensando dra* che se ha notitia dre cose de Zena e de tutta ra Liguria donde o travaggiò* tanto che o finì la* vitta insieme* con l’historia si che l’è morto in servixo dra cara patria, ra groria dra qua anderà per me Frè sempre a torno per tutto l’universo con grand’honò de Zeneixi e conoscendo ri S.mi Senatoi che mi ghe fei fa sì degna overa, ra qua me costà tre miria scui, como appà per scritture pubriche, me den per pagamento de questo 60 lire ro meize soramenti, ma se ben questo premio è pochissimo rispetto a ro grandissimo merito no ghe requero però che me l’accrescian ma che dapò ra morte mea, me Figgio ancora possa tirà questo poco stipendio se pu o viverà chiù de m[i]e, che l’è mà san e vegio, como mostra ra testa so cauva*, ma quando no voggian satisfà a ro me honesto dexiderio, como me fo promisso, me den a ro manco compiaxei perchè de novo ho traduto questa historia lattinna in lenga vorgà, a so che l’intendan no soramenti ri letterai, ma quelli ancora che no san de lettera e otra ro gran travaggio che ho avuo in traduera me converrà spende un muggio de scui in fara stampà, ma perchè quarch’un dixe che guagnerò per contra in fara vendera*, como ho guagnao dra lattinna, respondo che ghe ho perduo in grosso como sa ro M.° Mesè Antogno Roccattaggià chi ha havuo cura de fara stampà, e a quarch’atro chi va digando che me Frè è stato* 12

Società Ligure di Storia Patria - biblioteca digitale - 2012

  1. Archiv. cit., Sen., fil. 313..