Pagina:GSLL 04.pdf/361

Da Wikivivàgna
Sâta a-a navegaçión Sâta a-a çèrchia

G I O R N A L E S T O R I C O lì L E T T E R A R I O UH L L A LIGURIA

347

XXXIX.
Allantò gh’eira in Taggia duoi barbei
Bravi, ch’i parean tanti Scipioi,[1],
Montàn si na terrazza[2] dri fornei
A tiràghe dre prè, coppi, e mauoi,
E desmuràn chiù de quattro maixei,
Per poè rompi ra testa à quei menchioi,
E poi criavan de si na terrazza,[3]
Arimo fazze ogn’un, amazza, amazza.

XL.
L’insci de fuora Vincè de Baiardo,
E Caregaira con dell’ aotra gente,
Chiaravuglio ello e si, così gagliardo,[4]
Che tutti[5] se portàn varentemente;
Un’aotro Bastian chiamao ro Sardo
Con Petacco, e Canè fen da varente,
Bertram , Pesciada, Cocconè, e Bindà,
Rellorio , con Barbetta, e Pignattà.´

XLI.
Como fossi voi bravo, ò Revidon,
Degno d’esse honorao da tutti noi,
Che staivi[6] sempre xù ri bastion
Armao co ri aotri vostri compagnoi,
E n’amazzassi tanti in concrexion
C o ri vostri archebuixi così buoi,
Che per voi Taggia , Patria nostra amà
Può dì, da Revidon son liberà.

XLII.
Che se porrà mai dì de què Rollando
Ch’eira cosi varente, e si arimoso
Ch’ò fè chiù couse assai, che quell’Orlando,
Che ven chiamao da tutti furioso?
O ri scorse de lì sempre amazzando
Carcun de quelli, fin ch’ò fe reposo
Da ro fossao dro Gombo, luogo aoto,
Dond’i provàn de dà l’urtimo assaoto.

XLIII.[7]
Corpo de deixe: ghe lascio ro meglio,
Mi me desmentegava de cointà,
Che mastro Zane quello franco veglio
L’inarimava ra nostra Brigà,

ello ,

e s i c.


Società Ligure di Storia Patria - biblioteca digitale - 2012

  1. ch’i asemegliava a ri Migoi
  2. sciù ra tarrazza
  3. tarrazza
  4. Ceraveglia ello ascì con Ce o boixardo
  5. E tutti.
  6. Voi stesci.
  7. Chi o besogna ch’a dighe in autra cosa,
    Ch'a me de smentegava de contà
    Che Mastro Zane li dond’o se posa.
    Perch'o n'aveva scioppo da sparà,
    Se fe da a sciabra da Giastè de Rosa,
    E o sparti in Turco con ina sciabrà,
    E sciù ra schena d'autri, tardi a fuze,
    Che fe ciù bolli, ch'o non ha l'ancuze.